Facebook Pixel
Milano 29-mag
0 0,00%
Nasdaq 29-mag
18.736,75 -0,70%
Dow Jones 29-mag
38.441,54 -1,06%
Londra 29-mag
8.183,07 -0,86%
Francoforte 29-mag
18.473,29 -1,10%

Italia, fatturato dell'industria in calo dello 0,5% nel 2023

Si registra un leggero incremento delle vendite sul mercato estero, ma calano quelle verso i clienti interni

Economia, Macroeconomia
Italia, fatturato dell'industria in calo dello 0,5% nel 2023
(Teleborsa) - Nel 2023, al netto degli effetti di calendario, il fatturato dell'industria italiana diminuisce dello 0,5% rispetto all'anno precedente, con un leggero incremento delle vendite sul mercato estero e un calo verso i clienti interni. L'andamento congiunturale è stato caratterizzato da variazioni negative nei primi due trimestri dell'anno, cui ha fatto seguito una leggera crescita nella seconda metà del 2023. Lo si legge nel report dell'Istat.

A dicembre l'Istituto nazionale di statistica stima che il fatturato dell'industria, al netto dei fattori stagionali, sia aumentato del 2,1% rispetto al mese precedente, registrando una dinamica positiva su entrambi i mercati (+1,7% sul mercato interno e +2,7% su quello estero). Nel quarto trimestre l'indice complessivo è cresciuto dello 0,9% rispetto al trimestre precedente (+0,6% sul mercato interno e +1,4% su quello estero).

Con riferimento ai raggruppamenti principali di industrie, a dicembre gli indici destagionalizzati del fatturato segnano un aumento congiunturale per i beni intermedi (+4,0%), per i beni di consumo (+2,4%) e per i beni strumentali (+0,1%), mentre si registra un calo per l'energia (-1,2%).

Corretto per gli effetti di calendario il fatturato totale scende in termini tendenziali dello 0,1%, sintesi di una diminuzione dello 0,8% sul mercato interno e di un incremento dell'1,1% su quello estero. I giorni lavorativi sono stati 18 contro i 20 di dicembre 2022.

Per quanto riguarda gli indici corretti per gli effetti di calendario riferiti ai raggruppamenti principali di industrie, si registrano incrementi tendenziali per i beni strumentali (+1,8%) e per i beni di consumo (+3,1%), mentre risultano in calo i beni intermedi (-3,7%) e l'energia (-8,0%).

Con riferimento al comparto manifatturiero, gli incrementi tendenziali maggiori si registrano nei settori dei computer ed elettronica (+10,2%) ed in quello delle apparecchiature (+8,0%), mentre le flessioni più marcate si riscontrano nel comparto della chimica (-10,2%) e nel settore dei prodotti petroliferi (-9,2%).

A dicembre si stima che l'indice destagionalizzato in volume, relativo al settore manifatturiero, aumenti dell'1,9% in termini congiunturali. Nel quarto trimestre 2023 l'indice aumenta dell'1,1% rispetto al trimestre precedente. Corretto per gli effetti di calendario, a dicembre il volume del fatturato del comparto manifatturiero diminuisce in termini tendenziali dello 0,1% (-0,6% in valore).
Condividi
```