Facebook Pixel
Milano 18-lug
0 0,00%
Nasdaq 18-lug
19.705 -0,48%
Dow Jones 18-lug
40.665 -1,29%
Londra 18-lug
8.205 +0,21%
Francoforte 18-lug
18.355 -0,45%

G7, Tomasi (ASPI): "Autostrada ossatura portante del Paese. Impegnati a potenziare e ammodernare rete"

"Senza una visione a lungo termine le cose non accadono"

Economia, Trasporti
G7, Tomasi (ASPI): "Autostrada ossatura portante del Paese. Impegnati a potenziare e ammodernare rete"
(Teleborsa) - A gennaio di quest'anno si è registrato il record assoluto in termini di aumento del flusso di traffico autostradale. Lo ha detto l'AD di Autostrade per l'Italia, Roberto Tomasi, intervenendo al convegno sul tema 'Modalità e sfide future tra sviluppo delle reti e crescente instabilità globale' organizzato da Regione Lombardia nell'ambito del G7 dei trasporti a Milano.

"Questo è un anno importante per le autostrade, non solo perché festeggiamo i cent'anni della Milano-Laghi e i sessanta anni dell'autostrada del Sole, nata nel 64. Quest'anno abbiamo registrato il record assoluto nella storia del paese per quanto riguarda l'aumento dei flussi di traffico: +4% rispetto all'anno precedente".

"Questo dato - ha affermato Tomasi - ci ricorda che il nostro sistema-Paese non può prescindere dalla mobilità su gomma, per questo dobbiamo continuare a lavorare con convinzione per rendere questa mobilità sempre più sostenibile. La rete autostradale italiana è la più complessa d'Europa: quarta per estensione chilometrica dopo Spagna, Germania e Francia, l'infrastruttura nazionale è al primo posto per complessità ed età".

Per affrontare la grande sfida della sostenibilità, le autostrade devono affrontare innanzitutto la doppia sfida del potenziamento e dell’ammodernamento, con l’obiettivo di prolungare la vita utile delle infrastrutture in un sistema complesso come quello italiano. Ossatura portante del sistema produttivo nazionale, quello autostradale appare centrale per la crescita dei territori e può contribuire in maniera decisiva agli ambiziosi obiettivi di decarbonizzazione fissati dall’Ue per il settore dei trasporti.

La partita della decarbonizzazione della mobilità su gomma non può inoltre prescindere dalla digitalizzazione e dall’impegno sul fronte energetico. Altrettanto indispensabile il gioco di squadra e lo sforzo congiunto tra operatori del settore, sviluppando una filiera dei diversi vettori energetici. In questo contesto protagonisti della transizione sono i biofuels, l’elettrico e il digitale, fondamentali per il contenimento delle emissioni. Non esiste un’unica via per la sostenibilità: solo il combinato disposto di tutte le soluzioni a disposizione, può consentire il raggiungimento degli obiettivi che ci pone l’Europa”, afferma l’Amministratore delegato di Autostrade per l’Italia Roberto Tomasi, in occasione del G7 dei Trasporti a Milano. “Nel mondo delle infrastrutture - aggiunto Tomasi - c’è bisogno di competenze, regole, risorse e programmazione. Se non programmiamo oggi la strategia di domani, con una visione a lungo termine a quindici o venti anni, le cose non accadranno”.
Condividi
```