Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Lunedì 23 Settembre 2019, ore 00.31
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Impazziti di rabbia. L'opposizione senza Volto

Senza voti in Parlamento, evaporati nelle Piazze, cercano la crisi a tutti i costi

Guido Salerno Aletta
Guido Salerno Aletta
Editorialista dell'Agenzia Teleborsa

Il Governo va avanti, nonostante tutto.

Sono sconfitti, un giorno dopo l'altro, i Signori dell'Ombra.

Nonostante i tentativi di sbolognarlo a colpi di spread, nonostante i rating girati in negativo, nonostante la visita a Roma del Commissario europeo Moscovici che ha fatto il pellegrinaggio per allertare tutti i Potentati, nonostante le lettere ultimative di Bruxelles che ingiungevano perentoriamente di ridurre il deficit minacciando la apertura di una procedura di infrazione per debito eccessivo: niente da fare, sbattono le corna contro il muro.

La legge di bilancio è passata, la Corte costituzionale ha respinto il ricorso per farla dichiarare illegittima per vizi procedurali, il Reddito di Cittadinanza sta in pista e così Quota 100, una mega riapertura di termini per i non salvaguardati dalla Riforma Fornero.

Ogni giorno ce n'è una, su cui imbastire una polemica e cercare di mettere in crisi l'alleanza giallo-verde al governo:
  • la Nave Diciotti a Catania con i suoi profughi, e subito l'apertura di una indagine giudiziaria per sequestro di persona a carico del Ministro degli Interno che ha bloccato lo sbarco, con il seguito di procedura in Parlamento;
  • la prosecuzione dei lavori della Tav, una galleria ferroviaria che collegherà Torino a Lione solo per il traffico merci, assurta ad emblema della modernizzazione dell'Italia;
  • la questione venezuelana, con i sostenitori di Guaidò contro Maduro, agguerritissimi manco fosse un derby, mentre in Italia, sappiamo solo che nei peggiori bar di Caracas si beve un ottimo rhum;
  • il ritiro dell'Ambasciatore francese per consultazioni, per stigmatizzare gli oltraggiosi affronti subiti: il Vice Presidente del Consiglio di Maio, con un inedito sberleffo politico, ha incontrato per sostenerne le ragioni uno sconosciuto esponente della rivolta dei Gilet Jaune che stanno mettendo a soqquadro il mondo politico d'Oltralpe.

Non c'è questione che non serva a mettere in guardia dalla incompetenza dei ministri in carica. Sarebbero dei cialtronacci, a dir poco.

E poi c'è il Governatore della BCE, Mario Draghi, che ineffabile sottolinea che un Paese con alto debito pubblico ha perduto la sovranità: "Il popolo non conta, amici miei, il potere è di chi ha gli sghei!"

Gongola infine il FMI, che insieme alla Commissione europea vede l'Italia in recessione e con una crescita solo dello 0,2%: dobbiamo essere puniti, perché abbiamo un governo di cialtroni. Come se non fosse stato Mario Monti, con una manovra devastante nel 2011, soprannominata ironicamente SalvaItalia, a mandare l'Italia in depressione con il -2,4%. Ma questo no, non c'entra: fu fatto a fin di bene!

Peccato che il mondo vada a rotoli:
  • il Presidente americano Donald Trump ha enormi problemi con l'opposizione democratica, maggioritaria alla Camera dei Rappresentanti, che si è opposta strenuamente allo stanziamento necessario per completare il Muro anti-immigrati clandestini sulla frontriera con il Messico;
  • la Premier britannica Theresa May rimbalza come una pallina da ping pong tra Westminster, Downing Street e Bruxelles, alla ricerca di una soluzione per la Brexit;
  • il Presidente francese Emmanuel Macron è alle prese con un crollo dei consensi senza precedenti e le manifestazioni settimanali dei Gilet Jaune, un movimento che sembra senza testa.
  • Per non parlare della Siria, dell'Afganistan, della Libia, dell'Africa sub-sahariana, tutti come sempre in subbuglio.

Senza voti in Parlamento, evaporati nelle Piazze, cercano la crisi a tutti i costi.

Impazziti di rabbia. Opposizione senza Volto.

(Foto: © Brian Jackson/123RF)
Altri Editoriali
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.