Sabato 11 Luglio 2020, ore 15.54
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Tra i progetti degli italiani torna la casa

Economia ·
(Teleborsa) - I prezzi contenuti delle case ed un'offerta di mutui sempre più competitiva sta spingendo molte famiglie italiane a riconsiderare l'acquisto di una abitazione.
Il mercato immobiliare, infatti, si mostra in graduale ripresa, come testimoniano l’incremento delle compravendite residenziali (+5,3% nei primi nove mesi del 2015) nonché dei mutui richiesti ed erogati (+65% nei nove mesi).

Permane la propensione dei nuovi mutuatari a orientarsi verso importi più contenuti rispetto al passato: se a inizio 2014
l’importo medio richiesto era pari ai 124.800 euro, nel quarto trimestre 2015 - nonostante i tassi di offerta ridotti e la nuova apertura al credito casa da parte del sistema bancario - l’importo si attesta attorno al minimo dei 119.600 euro.

La riduzione dei migliori spread nei 12 mesi del 2015 è risultata essere pari al -15% per i mutui a tasso variabile e addirittura al -47% per i mutui a tasso fisso. Tale contrazione è da porsi in collegamento agli effetti del Quantitative Easing BCE - in grado di fornire liquidità a basso costo al sistema bancario - e dei ridotti rendimenti di impieghi alternativi ai finanziamenti di tipo mutuo.

Queste le più significative evidenze che emergono dalla nuova edizione della Bussola Mutui, il bollettino trimestrale firmato CRIF e MutuiSupermarket.it che offre una panoramica aggiornata e completa delle tendenze in atto nel mercato italiano dei mutui residenziali e immobiliare.

“Con l’inizio 2016, stiamo entrando in una nuova fase di consolidamento della ripresa, in cui la domanda e le erogazioni di nuovi mutui sono attese entrambe in continua crescita sulla prima metà dell’anno anche se probabilmente a ritmi inferiori rispetto a quanto osservato nel corso del 2015 - commenta Stefano Rossini, Amministratore e Fondatore di MutuiSupermarket.it -. In questo scenario, con un quadro economico complessivo in costante miglioramento, nuove misure fiscali in favore della prima casa e prezzi degli immobili residenziali sempre più contenuti, si stanno rafforzando le premesse per una progressiva ripartenza delle compravendite immobiliari. A conferma anche l’aumento di peso delle erogazioni di mutui con finalità acquisto casa sul totale delle erogazioni veicolate dal canale online, peso pari nel quarto trimestre 2015 al 33% delle operazioni, contro una media del 28% nel terzo trimestre 2015. La ripresa del settore immobiliare ad ogni modo sarà un driver fondamentale per la crescita delle erogazioni di nuovi mutui sul 2016, con un sistema creditizio che oggi appare ricettivo e pronto a finanziare le nuove domande di mutui finalizzate all'acquisto dell’abitazione”.

Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.