Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Mercoledì 27 Maggio 2020, ore 10.07
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Brexit: Renzi e Hollande insieme a Parigi e poi a Berlino con la Merkel. La Scozia riprova per l'indipendenza. La bufala BBC della petizione

Il "pallino" del Presidente francese è la questione Difesa

Economia, Politica ·
(Teleborsa) - Sull'urgenza di decisioni e di azioni nessun dubbio. Il tempo stringe e indecisioni e attese senza terapie adeguate rischiano di far precipitare lo stato di salute del malato colpito dalle conseguenze del virus Brexit. Un Unione Europea aggredita improvvisamente da un morbo che potrebbe rivelarsi letale mettendone a rischio la sopravvivenza. Il premier italiano Renzi e il Presidente francese Hollande riuniti a Parigi concordano: "Abbiamo sei mesi per salvare l'Europa".

E intanto, emerge che la clamorosa petizione con 3 milioni di firme per chiedere di ripetere il Referendum sarebbe in realtà una clamorosa bufala nella quale è caduta addirittura la storica BBC, che ha rilanciato al mondo intero la notizia. Petizione, peraltro, giudicata sin dalla sua "apparizione" come priva di alcun fondamento giuridico.

Tornando alla Brexit, urge una risposta forte, univoca, che possibilmente giunga concorde da tutti i 27 stati membri scossi e choccati dai risultati a sorpresa del Referendum britannico. Ma soprattutto rapida. Indispensabile affrontare tutto con decisione, e se divorzio deve esserci che lo sia subito, al più presto. Infine il timing dell'uscita di Londra: Hollande, al contrario della Cancelliera tedesca disponibile a offrie una pausa di riflessione al Regno Unito, è tra i leader che premono per una Brexit "rapida" in modo da bloccare l'effetto domino e dare tempi certi ai mercati.

Secondo indiscrezioni provenienti dal Consiglio Europeo, il Premier dimissionario, David Cameron, non presenterà al prossimo summit in programma martedì 28 giugno a Bruxelles la la notifica del ritiro della Gran Bretagna dall’Ue. Ovvero Cameron non procederà all’attivazione dell’articolo 50 del Trattato di Lisbona che prevede due anni di tempo per concludere l'uscita dall'Unione. Le stesse fonti riferiscono che "non c’è alcun negoziato senza una notifica formale di avvio delle procedure". Ma è a tutti chiaro come l'inatteso esito del Referendum abbia provocato "una crisi profonda" nell'intera società britannica.

Dopo le dimissioni del commissario UE britannico, Jonathan Hill, a seguito del successo del leader UKIP Nigel Farage, per pressare Londra si parla anche di dare lo statuto di osservatori agli europarlamentari britannici. L'Eliseo non vede di buon occhio i tentennamenti di Cameron. Un responsabile francese chiosa minaccioso: "Loro non escono? E noi apriamo Calais".

Tutto ciò mentre la Scozia ha presentato richiesta di nuovo referendum per staccarsi dall'Inghilterra, annunciando in ogni caso di opporsi fermamente all'applicazione della consultazione. Ma il dimissionario premier Cameron ha detto che non concederà un nuovo referendum sulla scissione agli scozzesi.

Sul fatto che la Ue vivesse tra mille problemi perennemente rinviati nessuno ha mai avuto dubbi. Ma si è tirato a campare, mettendo sempre da parte l'idea che un bubbone potesse scoppiare. L'esplosione del male in tutta la sua gravità per la stessa sopravviveza dell'Unione è poi giunta da Londra. La possibilità di un disastro dalle possibili dimensioni epocali col Referendum sulla Brexit c'era, ma in realtà nessuno ci aveva creduto davvero.

Ora, si son detti Matteo Renzi e Francoise Hollande all'Eliseo, è tempo di accelerare al massimo, almeno nei fronti più caldi. Non solo per gestire al meglio e con rapidità l'uscita di Londra, ma per decidere misure concrete dell'Unione su sicurezza, immigrazione ed economia. "E' andata molto bene", si è saputo in serata. Quindi, idee chiare per l'incontro di domani lunedì a Berlino con Angela Merkel. E poi il summit a 27 di martedì 28 che si terrà a Bruxelles.

A Berlino doveva essere inizialmente incontro a due Merkel-Hollande, per chiarire diversi punti che hanno di recente, per così dire, avevano incrinato l'asse franco-tedesco. Ma dopo lo choc del mattino del 24 giugno per la vittoria dei Leave, la Cancelliera tedesca ha voluto a Berlino anche Renzi. Tutti e tre sono alle prese con un calendario difficie nei rispettivi Paesi.

Matteo Renzi deve passare sotto le Forche Caudine del Referendum costituzionale in Italia nel prossimo ottobre; Hollande ha in vista la scadenza del suo mandato e le nuove elezioni tra 10 mesi, e con un Front Nazional, che non vuol sentire parlare di Europa, in testa nei sondaggi; Angela Merkel si ricandiderà nel 2017 per il quarto mandato da Cancelliere.

Si sta cercando così un'intesa, che permetta a Italia, Francia e Germania di presentarsi agli altri Paesi dell'Unione forti di idee comuni. A cominciare dal "pallino" da tempo nella testa di Hollande, la questione Difesa. Venerdì scorso il governatore della Banca Centrale Europea, Mario Draghi, era intervenuto per abbassare gli spread acquistando titoli di Stato. Continuerà a farlo, ma c'è preoccupazione perché il perdurare della tensione rischia seriamente di travolgere le banche.




Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.