Facebook Pixel
Martedì 26 Ottobre 2021, ore 21.42
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Europa-Regioni: piano Juncker avanza, risorse a Italia per 3,8 miliardi

Bei, attivati 21 miliardi di investimenti

Economia ·
(Teleborsa) - Il Piano Juncker "funziona", in particolare per l'Italia, dove a oggi sono stati attivati un settimo degli investimenti totali previsti. A fornire l'aggiornamento del programma, a 18 mesi dall'avvio delle operazioni, è stato il vicepresidente della Bei, Dario Scannapieco, in occasione della 'Iniziativa Pmi' lanciata con Mise e Commissione europea. Il piano, voluto dal presidente della Commissione Ue per


rilanciare la crescita economica e produrre investimenti senza produrre nuovo debito pubblico, dall'aprile del 2014 a oggi si è realizzato in Italia attraverso la conclusione di 55 operazioni (prestiti, garanzie, equity) a livello di gruppo Bei, per un valore di 3,8 miliardi e l'attivazione di investimenti per 21 miliardi: si tratta di circa un settimo degli investimenti attivati in totale.

In tutta Europa i finanziamenti della Bei che si basano sulla garanzia Efsi (Fondo europeo per gli investimenti strategici) approvati fino a oggi sono stati pari a 24,8 miliardi di euro: prestiti che hanno permesso l'attivazione di investimenti totali per 138,3 miliardi, che rappresentano circa il 44% dei 315 miliardi di investimenti che si prevede di attivare come obiettivo attraverso l'Efsi nel triennio in corso. "Questi risultati - ha detto Scannapieco - ci consentono di affermare che, dopo un anno e mezzo, il Piano Juncker funziona e
ha permesso di realizzare investimenti in 27 Stati membri, per quasi 140 miliardi su 315 previsti di investimenti già attivati".

Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.