Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Lunedì 23 Settembre 2019, ore 06.41
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Giornata Mondiale del Risparmio, Mattarella: "Il credito va orientato al consolidamento della ripresa"

Difendere il valore del risparmio è missione specifica che la Costituzione affida alle istituzioni, che sono tenute a tutelarlo e incoraggiarlo, ha dichiarato il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella

Economia, Finanza ·
(Teleborsa) - Al via la 93a Giornata Mondiale del Risparmio, organizzata dall'Acri - Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio Spa, sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica.

Il titolo dell’edizione di quest’anno è “Risparmio: quali prospettive?”.

Nel consueto telegramma inviato dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, si legge che il "risparmio delle famiglie italiane, oltre a rappresentare un sicuro ancoraggio nella loro esistenza, costituisce un elemento di forza del nostro Paese, particolarmente apprezzabile a fronte di un cospicuo debito pubblico.

Difendere il valore del risparmio è missione specifica che la Costituzione affida alle istituzioni, che sono tenute a tutelarlo e incoraggiarlo.

Una gestione responsabile di questa ricchezza è dunque indispensabile, così come una crescita di consapevolezza circa i rischi che ogni scelta di investimento del risparmio comporta: la istituzione del comitato per l'educazione finanziaria, che favorirà il coordinamento degli sforzi delle istituzioni, associazioni e intermediari in questo campo, è, in questo senso meritevole.

Il frutto dei singoli e dell'intera comunità è affidato alla capacità di mobilitare il risparmio verso investimenti appropriati, essenziali per rafforzare la crescita e l'occupazione, in particolare per i nostri giovani.

Il credito va orientato al consolidamento della ripresa e deve contribuire a ridurre le polarizzazioni territoriali e sociali.

L'intervento delle fondazioni di origine bancaria, svolto, con positivo ruolo di supplenza, con azioni dirette a promuovere welfare sociale, ricerca e cultura, non può trascurare l'esigenza di riequilibrare l'erogazione di risorse in direzione del Mezzogiorno", ha concluso Mattarella.

Attesi gli interventi di Pier Carlo Padoan, ministro dell’Economia e delle Finanze; Ignazio Visco, governatore della Banca d’Italia; Giuseppe Guzzetti, presidente dell’Acri; Antonio Patuelli, presidente dell’Abi.

Nel comunicato diffuso ieri, l'Acri segnala che la crisi non è ancora finita, ma il clima di fiducia migliora, anche se con una forte polarizzazione tra il Nord e il Sud del Paese, così come tra chi sta male e chi sta bene. Cresce la percezione dell’importanza dell’Europa e gli italiani riscoprono il significato e le prospettive dell’appartenenza all'Unione Europea, nonostante le delusioni e l’insofferenza per le regolamentazioni imposte.

Anche sul futuro dell’Italia si è meno sfiduciati che nel passato. Si registra un “lento ritorno alla normalità”, dove timori e preoccupazioni, pur ancora presenti, stanno lasciando spazio a un atteggiamento più tranquillo e fiducioso sul futuro. La crisi per la prima volta sembra allontanarsi e determina una maggiore propensione a consumare, anche a scapito dell’ansia per il risparmio, che oggi per gli italiani va perseguito senza troppe rinunce.
L’importanza percepita del risparmio per le proprie esigenze di tutela e di progettazione del futuro è comunque forte; al contempo cresce la consapevolezza del suo ruolo sociale con un’apertura a renderlo un attivo strumento di sostegno diretto a iniziative sociali con una forte valenza etica, specie scientifica o umanitaria, anche se in quest’ambito gli elementi di diffidenza rispetto alla sicurezza dell’investimento risultano ancora difficili da scalfire. Ripartono i consumi: l’italiano si mostra molto più aperto che in passato, anche se si conferma attento e volto a ponderare bene le proprie scelte.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.