Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Martedì 12 Dicembre 2017, ore 03.52
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Energia, nasce l'alleanza imprese-ricerca per l'innovazione made in Italy

“Il cluster energia - spiega il Presidente dell’ENEA, l’economista prof. Federico Testa - nasce per dare risposte coordinate e avanzate su temi strategici per un settore, quello dell’energia, che oggi più che mai necessita di ricerca e innovazione

Economia, Energia ·
(Teleborsa) - Otto big dell’industria, della ricerca e dell’innovazione, hanno deciso di unire le forze in un’alleanza strategica nel settore dell’energia. Si tratta di campioni nazionali come ENI, Enel con e-distribuzione e Terna, il colosso statunitense General Electric con la Nuovo Pignone e il gotha della ricerca con CNR, RSE, il Consorzio interuniversitario EnSIEL e l’ENEA che avrà la Presidenza e il coordinamento.

Per i prossimi tre anni ricercatori e manager lavoreranno fianco a fianco nel ‘Cluster tecnologico nazionale energia’ con l’obiettivo di fare dell’innovazione tecnologica un fattore di riduzione dei costi, di aumento della sicurezza nazionale e di maggiore competitività delle nostre imprese a cominciare dalle PMI che scontano l'elevatissimo divario di prezzi dell’energia con il resto Europa.

“Il cluster energia - spiega il Presidente dell’ENEA, l’economista prof. Federico Testa - nasce per dare risposte coordinate e avanzate su temi strategici per un settore, quello dell’energia, che oggi più che mai necessita di ricerca e innovazione. L’obiettivo è di svolgere un ruolo di coordinamento tra ricerca pubblica e privata, mettendo insieme le attitudini alla ricerca con le esigenze delle imprese”.

Il “Cluster Energia” si aggiunge ad altri otto nati in Italia fra il 2012 e il 2016 a presidio di ambiti tecnologici prioritari sui quali il Governo intende concentrare gli sforzi di politica di ricerca industriale: Aerospazio, Agrifood, Fabbrica Intelligente, Chimica Verde, Tecnologie per gli ambienti di Vita, Smart, Secure and Inclusive Communities, Mobilità sostenibile, Salute.


Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.