Facebook Pixel
Milano 12-apr
33.764,15 +0,15%
Nasdaq 12-apr
18.003,49 -1,66%
Dow Jones 12-apr
37.983,24 -1,24%
Londra 12-apr
7.995,58 +0,91%
Francoforte 12-apr
17.930,32 -0,13%

Governo, Conte incassa la fiducia al Senato. La parola alla Camera

Dopo che Palazzo Madama ha assicurato il sostegno al neonato Governo, oggi 6 giugno lo scoglio da superare è la fiducia della Camera

Economia, Politica
Governo, Conte incassa la fiducia al Senato. La parola alla Camera
(Teleborsa) - 75 minuti, interrotto da 60 applausi: tanto è durato il discorso del Premier Giuseppe Conte presentatosi al Senato per ottenere la fiducia a neonato Governo.

Una fiducia che è arrivata con 171 voti favorevoli, 117 contrari e 25 astenuti. 4 voti in più rispetto ai numeri della maggioranza (167 senatori) che gli consentono di attestarsi su una soglia di "sicurezza" di 10 voti in più rispetto alla maggioranza assoluta, che a Palazzo Madama è fissata a quota 161. Oggi la parola passa alla Camera: la votazione è in programma alle 17.45.

Salario minimo, ma anche reddito di cittadinanza, reinserimento nel mondo del lavoro per i cittadini che si ritrovano disoccupati, pensioni dignitose, e stop alle pensioni d'oro. Sono solo alcuni dei punti toccati dal Presidente del Consiglio davanti al Senato. E poi ancora stop business dell'immigrazione, "cresciuto a dismisura sotto il mantello di una finta solidarietà", reddito di cittadinanza, daspo per i corrotti e lotta alla mafia. "Fuori la mafia dallo Stato", ha detto Conte tra grandi applausi dei senatori della maggioranza.

E poi nessun imbarazzo per il Premier nell'autodefinirsi "populista e anti-sistema."Se populismo è attitudine ad ascoltare i bisogni della gente, allora lo rivendichiamo".

Parlando dell'Europa, Conte ha dichiarato:"L'Europa è la nostra casa. Quale Paese fondatore abbiamo il pieno titolo di rivendicare un’Europa più forte e anche più equa, nella quale l’Unione economica e monetaria sia orientata a tutelare i bisogni dei cittadini, per bilanciare più efficacemente i principi di responsabilità e di solidarietà". Quanto alla politica estera,"ribadiamo l'Alleanza Atlantica ma saremo fautori di un'apertura alla Russia, ci faremo promotori di una revisione del sistema delle sanzioni".

"Ora siete l'establishment e non faremo sconti. Altro che Terza Repubblica, è la Prima che continua", ha detto Matteo Renzi passato all'opposizione, e intervenuto in Senato durante il dibattito per la fiducia.






Condividi
```