Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Domenica 19 Agosto 2018, ore 02.22
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Migranti, c'è l'accordo del vertice europeo. Salvini scettico: "Non mi fido"

I 28 leader europei stabiliscono una linea condivisa sulla gestione dei migranti. Italia non più sola a gestire emergenza

Economia, Politica ·
(Teleborsa) - E' stata una giornata lunghissima e faticosa, ma il vertice europeo di ieri 28 giugno, durato ben tredici ore, si chiude con un importante passo avanti sui migranti. E' stato trovato infatti l'accordo dei 28 Paesi che compongono l'Unione Europea sul fatto che la questione migranti vada condivisa e che i salvataggi in mare, così come i centri di accoglienza debbano essere coordinati dall'UE e condivisi da tutti gli stati.

"Da oggi l'Italia non è più sola. Da questo Consiglio europeo esce un'Europa più responsabile e più solidale", ha dichiarato il Premier Conte, lasciando il vertice, ma dal vicepremier Matteo Salvini è stato espresso già un certo scetticismo: "Non mi fido delle parole, - ha detto in radio - vediamo che impegni concreti ci sono perché finora è sempre stato viva l'Europa viva l'Europa, ma poi paga l'Italia". E poi sulle ONG ha aggiunto: "Non vedranno più l'Italia se non in cartolina".

La giornata non si era prospettata certo facile e la strada era tutta in salita, poi in serata era passata la linea dura del Premier italiano, Giuseppe Conte, che già prima di partire per il meeting aveva preannunciato il veto su qualsiasi decisione del Consiglio europeo che non prendesse in considerazione la proposta italiana.

Poi, l'incontro del Premier con il presidente francese Macron (con la Merkel c'era già una condivisione di idee) ed, infine, la svolta avvenuta nella tarda serata.

Il presidente del Consiglio europeo Tusk ha quindi annunciato che I 28 leader hanno raggiunto un accordo sulle conclusioni del Consiglio ed anche sui migranti.

I punti salienti della linea europea si ppssono così riassumere: tutte le azioni saranno basate sulla condivisione e coordinate tra gli stati membri, saranno approntati centri di accoglienza su base "volontaria" per consentire lo sbarco e consentito l'eventuale transito dei migranti anche in paesi terzi. Un nuovo approccio è passato per i salvataggi in mare, che devono rispettare le leggi europee, e per le ONG che non devono interferire con la guardia costiera libica.



Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.