Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Lunedì 19 Novembre 2018, ore 04.42
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Atlantia recupera in Borsa. Governo diviso sulla storia delle concessioni

Il titolo recupera quasi il 6% nell'ultima seduta utile. Governo diviso su nodo revoca concessioni. Benetton studiano piano di aiuti a vittime e città di Genova

Finanza ·
(Teleborsa) - Scatta la rimonta del titolo Atlantia in Borsa, dopo il tracollo avvenuto all'indomani del disastro di Genova. Nella seduta di ieri 17 agosto 2018 il titolo è riuscito a recuperare il 6% del suo valore, anche se questa performance non ha nulla a che vedere con il -22% archiviato il giorno prima, quando il titolo ha scontato gli effetti del disastro provocato dal cedimento del viadotto Morandi a Genova, in cui sono morte oltre 40 persone. In più, chi ha dimestichezza della finanza sa bene che il rimbalzo è prevalentemente "tecnico" ed ha a che fare con ricoperture di eventuali posizioni scoperte.

Quel che accadrà lo si saprà solo lunedì e nei giorni a seguire e molto dipenderà dall'atteggiamento del governo verso la spinosa questione delle concessioni autostradali ad Autostrade per l'Italia. La "colpa" del crollo del viadotto Morandi sull'autostrada A10 è stata addossata per intero alla società che gestisce le autostrade, rea di non aver previsto il fatto, di non aver effettuato i necessari controlli di sicurezza e gli interventi di manutenzione necessari.

Se in un primo momento il governo sembrava compatto sulla decisione di revocare ad Autostrade tutte le concessioni in essere, con il "senno del poi" sono emerse delle incertezze, anche perché il costo della revoca anticipata si aggirerebbe sui 20 miliardi di euro, praticamente il valore di una finanziaria.

Una incrinatura si è prodotta nella coalizione del governo giallo-verde: da un lato il Carroccio sembrerebbe disponibile a "trattare" con la holding della famiglia Benetton il risarcimento dei danni prodotti dall'incidente, dall'altro il vicepremier Di Maio resta fermo sulle sue posizioni ed afferma di non voler "aspettare i tempi della Giustizia". La Procura ha aperto un fascicolo per accertare le responsabilità del caso e sta procedendo con le indagini. Ma il M5S propende per una giustizia sommaria e chiede a gran voce una "esecuzione" in piazza, anzi il Ministro delle Infrastrutture Toninelli (M5S) afferma di aver già avviato l'iter per la revoca delle concessioni.

E Atlantia? La società che fa capo alla famiglia Benetton è stata letteralmente travolta da un attacco mediatico e, dopo una prima doverosa precisazione iniziare (anche per tacitare la Consob), si è trincerata in un prudente silenzio, in attesa che i legali valutino cosa è più opportuno fare. Ma sembra che si stia facendo largo l'idea di sostenere la sponda del Carroccio, annunciando forse già oggi un piano di aiuti alle vittime ed alla città di Genova che in molti si aspettano.

Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.