Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Martedì 25 Giugno 2019, ore 01.19
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

FMI taglia stime crescita mondiale e indica Italia fra i rischi

Il World Ecponomic Outlook è stato pubblicato in vista del Forum di Davos che si svolgerà in Svizzera nei prossimi giorni

Economia, Macroeconomia ·
(Teleborsa) - Allarme del Fondo Monetario sul rallentamento dell'economia mondiale, mentre per l'Italia la situazione è ben più seria e non esclude una recessione. E' quanto emerso dall'ultimo World Economic Outlook (WEO) del FMI pubblicato in vista del Forum di Davos, da cui emerge che l'ulteriore taglio è dovuto agli effetti più pesanti della guerra dei dazi fra USA e Cina e che vi sono nuovi rischi e criticità.

L'Istituto di Washington, allineandosi alle previsioni della Banca d'Italia, ha indicato una crescita del PIL per il 2019 allo 0,6% ed una piccolissima accelerazione allo 0,9% nel 2020 per l'anno in corso. La previsione è stata tagliata di quattro decimi di punto rispetto a quella indicata in primavera che prevedeva una crescita dell'1%. In più, l'Italia figura ora fra i rischi che possono minare l'economia globale.

L'FMI ha quindi tagliato anche le stime sull'economia globale, indicando una crescita del 3,5% quest'anno e del 3,6% il prossimo (entrambe erano indicate al 3,7% nella stima precedente).

Per l'Eurozona si prevede una crescita dell'1,6% nel 2019 e dell'1,7% nel 2020, ma la locomotiva non sarà più la Germania, che dopo l'Italia è il Paese che ha subito il taglio più drastico all'1,3% quest'anno ed all'1,6% il prossimo. I Paesi trainanti saranno invece la Francia con un +1,5% quest'anno e la Spagna con un +2,2%.

Diverso il caso del Regno Unito, dove vi sono delle assunzioni per un'uscita soft dall'UE a fondamento di una crescita stimata all'1,5%, ma sappiamo che oggi vi sono molte più incertezze per la Brexit.

Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.