Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Mercoledì 18 Settembre 2019, ore 17.23
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Bankitalia, rallenta il credito a marzo

E' quanto emerge dal rapporto "Moneta e Banche" che segnala una crescita più modesta dello 0,8% dei prestiti al settore privato (era 1,2% a febbraio)

Economia ·
(Teleborsa) - Rallenta il credito a famiglie ed imprese a marzo. Lo rileva l'ultimo rapporto "Banche e moneta" di Bankitalia, secondo cui i prestiti al settore privato sono cresciuti dello 0,8% a marzo, mostrando un tasso di crescita più basso rispetto al +1,2% di febbraio.

I prestiti alle famiglie sono cresciuti del 2,5% (2,6% a febbraio) mentre i finanziamenti alle società non finanziarie sono addirittura diminuiti dello 0,7% (-0,2% il mese precedente).

In leggero calo i tassi d'interesse sui mutui, che si portano al 2,17% dal 2,27%, mentre quelli per il credito al consumo si attestano all'8,19%. Sul fronte imprese, i tassi sui finanziamenti scendono all'1,42% dall'1,51% ed in particolare quelli sui nuovi prestiti di importo fino a 1 milione al 2,02% e quelli di importo superiore a tale soglia allo 0,91%. I tassi passivi sui depositi in essere sono pari allo 0,34%.


I titoli di Stato in portafoglio delle banche italiane sono stabili a 387,2 miliardi di euro, mentre le sofferenze lorde risultano in calo a 69,2 miliardi dai 75,6 miliardi di febbraio, segnando un decremento del 37,7% su base annua.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.