Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Domenica 19 Gennaio 2020, ore 14.20
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Famiglia, Di Maio: "Un miliardo per aiutare chi fa figli. Dl nelle prossime settimane"

I fondi saranno spostati dal tesoretto del Reddito di cittadinanza e serviranno alla giovani coppie per sconti su pannolini, babysitter e sgravi sulle rette degli asili nido

Economia ·
(Teleborsa) - L'annuncio precede di due settimane le elezioni europee di fine maggio. "Dobbiamo dare un segnale un segnale forte che inizia con questa bozza di decreto che stiamo scrivendo, un decreto che sarà approvato nelle prossime settimane e che mette un miliardo di euro in più, sugli aiuti alle famiglie che fanno figli", ha affermato, ieri, nel giorno della "Festa della mamma", il vicepremier Luigi Di Maio.

Mentre le opposizioni rimangono molto critiche, con il Pd che parla di politiche di "facciata" e Forza Italia che bolla la proposta come uno "spot elettorale senza coperture", Di Maio ci tiene a sottolineare che "il miliardo che vogliamo destinare alle famiglie c'è veramente, non è uno spot" perché "fare figli è il futuro del nostro Paese".

"Il testo è già in fase avanzata, pronto a sfociare in un decreto legge, giustificato dal carattere emergenziale dalle misura" – spiegano dal Movimento cinque stelle – e i fondi saranno utilizzati concretamente dalle giovani famiglie per sconti su pannolini, babysitter e sgravi sulle rette degli asili nido.

Per quanto riguarda le coperture Di Maio ha affermato: "Sposteremo i soldi che avanzano dal Reddito di cittadinanza, un miliardo di euro, sulle famiglie che fanno figli e che hanno figli e su quei giovani che stanno andando via dall'Italia e che non hanno nessuna certezza, perché quando vogliono mettere al mondo un bambino non sanno come sostenere le spese e come assicurargli un futuro dignitoso".

































Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.