Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Sabato 14 Dicembre 2019, ore 08.36
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

BCE avverte: "Crescita debole accresce rischi stabilità finanziaria"

E' quanto emerge dal Rapporto sulla Stabilità Finanziaria presentato dal vice Presidente Luis de Guindos

Economia, Finanza ·
(Teleborsa) - La BCE lancia un avvertimento sull'aumento dei rischi per la stabilità finanziaria derivanti dal crescere delle incertezze sull'andamento dell'economia. E torna a sollecitare un intervento per rafforzare la posizione finanziaria delle società e dei Paesi maggiormente indebitati.

E' quanto emerge dal Financial Stability Report pubblicato dall'Istituto di Francoforte e presentato il vice Presidente Luis de Guindos. "Le prospettive di crescita sono al centro di tutti i principali rischi per la stabilità finanziaria", ha affermato.

Il rapporto mette in evidenza una serie di potenziali vulnerabilità- dagli elevati debiti pubblici alla Brexit - e sottolinea che "se i rischi al ribasso per la crescita si materializzano, è probabile che aumentino i costi di finanziamento per gli emittenti sovrani vulnerabili che potrebbero portare alla luce problemi di sostenibilità del debito”.

In questa situazione, la BCE sottolinea che la mancanza di una disciplina di bilancio ed un passo indietro sulle riforme fiscali e strutturali potrebbero esercitare pressioni sugli emittenti sovrani piàù vulnerabili.

Sul fronte delle banche, l'Istituto centrale cita la bassa redditività (ROE atteso a circa il 6% nei prossimi due o tre anni), che non consentirebbe di recuperare il costo dell'equity o soddisfare le attese degli investitori (target 8-10%) e si rifletterebbe sulla loro capacità di finanziarsi a costi accettabili, bloccando i meccanismi di trasmissione della politica monetaria.

Il rapporto passa in rassegna anche l'esposizione delle banche in titoli di stato ed afferma che gli istituti portoghesi e quelli italiani risultano più vulnerabili alle oscillazioni verso l’alto dello Spread e quindi al rischio Paese.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.