Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Domenica 25 Agosto 2019, ore 00.17
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Schiaffo di Trump a Powell. Propone Judy Shelton nel Board della Fed

L'economista è nota per le sue critiche alla politica austera di Powell in materia di tassi e come convinta sostenitrice di un ritorno al Gold Standard

Economia, Finanza ·
(Teleborsa) - Non si placano le tensioni che caratterizzano, sin da principio, i rapporti fra il Presidente americano Donald Trump ed il numero uno della Fed, Jerome Powell, più volte attaccato dal leader della casa Bianca per le sue scelte di politica monetaria.

E proprio dal Presidente arriva un altro schiaffo al Presidente della Fed, con la candidatura nel Board della banca centrale americana di Judy Stelton, ex consulente economica di Trump ed attualmente nel direttorio della Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo.

La Shelton è stata candidata assieme a Christopher Waller, capo economista della Fed di Saint Louis, ma la sua nomina farà molto discutere, avendo lei stessa più volte criticato la linea scelta da Powell. In particolare, la Shelton ha affermato di recente la necessità di portare i tassi a zero almeno per 1-2 anni, sebbene non si possa considerare propriamente una "colomba" giacché a suo tempo aveva fatto eccezioni anche sulle scelte dell'ex Presidente Janet Yellen in merito al Piano di Quantitative Easing (QE). Convinta sostenitrice del Gold Standard la nuova candidata ha più volte criticato l'attuale sistema si scambi valutari che permetterebbe ad alcuni Paesi di avvantaggiarsi di svalutazioni competitive, una linea sposata dal Presidente Trump.

La candidatura della Shelton è stata annunciata dallo stesso Presidente americano su Twitter, proprio nel giorno in cui la numero uno del FMI Christine Lagarde veniva nominata a capo della BCE. La nomina dei due nuovi membri del Board andrà a coprire i posti rimasti vacanti con l'uscita dei due membri che erano stati in precedenza nominati da Trump, Stephen Moore e Herman Cain, dimessisi dopo le critiche arrivate dal Congresso sulla loro qualifica professionale per questo incarico.


Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.