Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Sabato 24 Agosto 2019, ore 22.53
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Governo, 13 agosto alle 18 il Senato vota sul calendario. Conte in Aula il 20 agosto

E' quanto ha deciso la conferenza dei Capigruppo non essendo stata raggiunta l'unanimità

Economia, Politica ·
(Teleborsa) - La crisi di Governo di Ferragosto, come ormai è stata ribattezzata dai più, entra a Palazzo Madama. Domani, martedì 13 agosto, alle 18.00 l'Aula del Senato deciderà sul calendario. Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte dovrebbe invece intervenire a Palazzo Madama il 20 agosto. E' necessaria però la conferma del Senato. Come la Presidente del Senato Elisabetta Casellati aveva annunciato: se in Capigruppo dovesse registrarsi uno scontro e un conseguente stallo, l'ultima parola spetterà all'Aula.

Allo stato delle cose, ci sono ufficialmente due blocchi. Da un lato Lega, Forza Italia e Fratelli d'Italia in pressing per sfiduciare il Premier Conte già prima di Ferragosto, pronti a votare il 14 agosto, subito dopo la commemorazione in occasione del primo anniversario del crollo del ponte Morandi.

Dall'altro M5s, Pd e Leu, che spingono per discutere la mozione di sfiducia all’inizio della prossima settimana.

Intanto, il Pd ha mobilitato i senatori in vista del voto di domani in aula per confermare il calendario approvato dalla capigruppo ed evitare quindi che la mozione di sfiducia a Conte venga anticipato, come, appunto, vorrebbe Salvini. "Sarà fondamentale la presenza di tutti. Vi chiediamo cortesemente di iniziare a valutare come meglio organizzarvi per rientrare a Roma", il messaggio giunto ai senatori Pd.

Una battaglia che si gioca sul filo dei numeri.

Bernini (FI): "M5s-Pd creano rampa di lancio per Conte-bis" -
L'accusa, tutt'altro che velata, delle opposizioni è che Pd e M5s, con il sostegno di Leu, facciano sponda tra loro per temporeggiare. "Le comunicazioni fanno parte di un traccheggiamento di M5s e Pd per creare una rampa di lancio per un Conte-bis o un nuovo governo". Queste le parole di Anna Maria Bernini, capogruppo di Forza Italia, a margine della conferenza.




Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.