Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Giovedì 17 Ottobre 2019, ore 23.01
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Crisi Governo, la grande attesa: M5s punta tutto su Conte, Pd al bivio

Lega resta alla finestra. Domani, martedì 27 agosto, al via il secondo - decisivo - giro di consultazioni al Quirinale

Economia, Politica ·
(Teleborsa) - L'appuntamento con il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella è per domani, martedì 27 agosto. Nel suo discorso al Quirinale, il Capo dello Stato è stato chiaro: "La crisi va risolta in tempi brevi, servono decisioni chiare, per il bene del Paese". La trattativa tra il M5s e Pd entra, dunque, nella sua fase più calda alla ricerca di un compromesso che potrebbe far decollare il Governo giallo-rosso. La Lega, intanto, resta alla finestra, pronta - in caso di colpi di scena dell'ultima ora - a rientrare in gioco.

M5S: CONTE UNICO NOME - La strada che porta all'accordo, infatti, appare ancora in salita e non priva di ostacoli. La partita sul Premier si gioca attorno al nome di Giuseppe Conte, paletto non negoziabile sponda pentastellata, grazie al quale il MoVimento conta di riuscire a far meglio tollerare l’intesa con i Dem. Il Segretario Nicola Zingaretti, da un lato rimane cauto chiedendo discontinuità e rifiutando l’ipotesi di un rimpastone ma dall'altro assicura che si lavora ad una soluzione.

LA "CONTROPARTITA" - Il Pd, alla fine, potrebbe accettare di dare via libera ad un Conte-bis, mettendo sul tavolo, come contropartita, la richiesta di più di un ministro chiave. Non da scartare, tuttavia, l’ipotesi che si arrivi ad un Premier "terzo".

RITORNO AL VOTO - Se poi, alla fine di una giornata annuncia che si annuncia al cardiopalma, nonostante i tentativi, non dovesse arrivare la fumata bianca, la strada del voto anticipato sembra segnata. Il tempo stringe e il Quirinale ha le idee chiarissime: domani nuovo giro di consultazioni, poi l' incarico. Se il Governo di legislatura non sarà "sbocciato", non resta da imboccare la via del Governo di garanzia che accompagnerà il paese al voto anticipato.


Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.