Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Martedì 24 Settembre 2019, ore 10.34
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Commissione UE, alle 12 nuova squadra. Gentiloni verso Affari Economici

Oggi, martedì 10 settembre alle 12,00, la Presidente eletta della Commissione Europea, Ursula von der Leyen, alzerà il velo sulle attribuzioni dei portafogli

Economia, Politica ·
(Teleborsa) - Riflettori puntati a Bruxelles dove oggi, martedì 10 settembre alle 12,00, la Presidente eletta della Commissione Europea, Ursula von der Leyen, alzerà il velo sulle attribuzioni dei portafogli della nuova squadra, ufficializzata ieri, che presenta un primato accolto già con grande favore: il rispetto della parità di genere. Con i suoi 14 uomini e 13 donne, l’ex ministra della Difesa tedesca, è riuscita a rispettare l’impegno di comporre un esecutivo paritario tra uomini e donne.

In arrivo buone notizie per l’Italia. Secondo quanto trapelato, per la prima volta un italiano, Paolo Gentiloni, sarà agli Affari economici e monetari della Commissione europea, una nomina dunque di assoluto peso: gli addetti ai lavori fanno sapere che sono possibili modifiche dell’ultima ora nell’assegnazione dei portafogli ma ad oggi nella casella compare il nome dell’italiano. E se dovesse essere confermato, sarebbe senza dubbio un risultato inaspettato per Roma, specie alla luce del braccio di ferro perenne con Bruxelles degli ultimi mesi. Un nome, quello di Gentiloni, che non mette tutti d’accordo specie quanti sono convinti che potrebbe trovare più di qualche difficoltà a far rispettare le regole all’Italia, e sotto la lente perenne dei falchi del Nord, pronti a monitorare da vicino tutte le mosse.

Nuova squadra, dunque, al via
con la nuova Presidente chiamata nell'impresa di certo non facile di trovare un equilibrio tra diverse istanze, spesso opposte. Al centro la possibile revisione del Patto di Stabilità di cui si è fatto un gran parlare nelle scorse ore. La guerra dei dazi, il rallentamento ormai evidente dell’economia tedesca (la produzione industriale in Germania è scesa a luglio dello 0,6% rispetto a giugno e del 4,2 rispetto all’anno prima). Per non parlare dell’incognita Brexit, altra bomba a orologeria: i tempi potrebbero essere maturi per una svolta epocale nel funzionamento dell’Unione europea, ma c'è da vincere la resistenza di quanti si oppongono per paura di creare nuovo debito.

Nel frattempo, l'entourage della von der Leyen, ha fatto sapere che la Presidente eletta, domani, mercoledì 11 settembre, incontrerà il Premier Giuseppe Conte, a Bruxelles.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.