Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Martedì 22 Ottobre 2019, ore 21.03
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Fondazione Open, indagato a Firenze l'ex presidente Alberto Bianchi

Il reato ipotizzato per l'avvocato, in passato a capo dell'ente nato per sostenere le iniziative di Matteo Renzi, è il generico "traffico di influenze"

Economia ·
(Teleborsa) - È stato indagato dalla procura di Firenze per "traffico di influenze", l'ex presidente della fondazione Open, Alberto Bianchi. Pistoiese d'origine, fiorentino d'adozione, 65 anni, l'avvocato Bianchi in passato è stato legale di Matteo Renzi oltre che a capo dell'ente nato sulle ceneri della fondazione Big bang per supportare le attività e le iniziative d dell'ex premier, Leopolde comprese, fornendo contributo finanziario, organizzativo e di idee.

Lo studio di Bianchi a Firenze, da quanto si è appreso, è stato anche perquisito ieri alla presenza del procuratore aggiunto del capoluogo toscano Luca Turco, il magistrato titolare dell'inchiesta condotta dalla guardia di finanza.

"L'avvocato Alberto Bianchi è indagato per una ipotesi di reato fumosa qual è il traffico di influenze per prestazioni professionali a mio avviso perfettamente legittime – commenta il suo legale, l'avvocato Nino D'Avirro –. L'avvocato ha messo a disposizione degli inquirenti la documentazione richiesta nella convinzione di poter chiarire al più presto questa vicenda che lo sta profondamente amareggiando".


Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.