Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Martedì 22 Ottobre 2019, ore 00.58
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Dazi USA, Confagricoltura: più risorse per gestire impatto su import agroalimentare UE

Giansanti: "E’ necessario mobilitare risorse aggiuntive all'interno del bilancio dell’Unione"

Agroalimentare, Economia ·
(Teleborsa) - "La dotazione della riserva di crisi per l’agricoltura, che ammonta a circa 400 milioni di euro, è assolutamente inadeguata per gestire con efficacia l’impatto dei dazi aggiuntivi annunciati dagli Stati Uniti sulle importazioni di prodotti agroalimentari dalla UE. E’ necessario mobilitare risorse aggiuntive all'interno del bilancio dell’Unione”. Lo ha detto il presidente di Confagricoltura, Massimiliano Giansanti, in vista della riunione del Consiglio Agricoltura della UE, in programma a Lussemburgo il 14 ottobre, quattro giorni prima della prevista entrata in vigore dei dazi statunitensi.

Oltre a quella del ministro Bellanova "sono già arrivate sul tavolo della Commissione le formali richieste di intervento da parte di altri Stati membri - precisa Giansanti - . Per fare fronte a queste istanze si può ricorrere al miliardo di euro che la Commissione aveva dichiarato essere disponibile per i settori più colpiti dall'accordo, sempre più contestato, con il Mercosur”.

"I dazi USA potrebbero anticipare di pochi giorni il recesso, sempre più probabile, a fine ottobre del Regno Unito dalla UE senza accordi - aggiunge il presidente di Confagricoltura - Si rischia un blocco immediato degli scambi che avrebbe effetti pesantissimi sui nostri prodotti destinati al mercato britannico, a partire da quelli più deperibili, come nel caso dell’ortofrutta".

"Dobbiamo fare in modo - conclude Giansanti - che le tensioni commerciali non finiscano per mettere in crisi intere filiere".
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.