Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Martedì 22 Ottobre 2019, ore 00.15
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

OCSE, rilancia Web tax e "approccio unificato" a tassazione multinazionali e big web

La proposta al G20 della prossima settimana, obiettivo accordo politico entro giugno

Economia ·
(Teleborsa) - L'OCSE rilancia la Web Tax e propone un "approccio unificato" per la tassazione delle multinazionali e del settore digitale, che presenterà al G20 la prossima settimana, al fine di arrivare a un accordo politico entro giugno. La proposta dell'OCSE mira ad "assicurare che i grandi e assai redditizi gruppi multinazionali, incluse le società digitali, paghino le tasse dovunque abbiano significativi legami diretti con i consumatori e generino i loro profitti".

"Il mancato raggiungimento di un accordo entro il 2020 - ha affermato il segretario Ocse Angel Gurria - aumenterebbe notevolmente il rischio che i paesi agiscano unilateralmente, con conseguenze negative su un'economia globale già fragile". Nel documento posto alla pubblica consultazione l'OCSE propone dunque un approccio comune per evitare che gli Stati agiscano ognuno in modo diverso dall'altro.

"La proposta - spiega l'Organizzazione - riunisce gli elementi comuni da 3 progetti avanzati da Paesi che aderiscono all'Inclusive Framerwork sul Beps (Base Erosion and Profit Shifting) in sede OCSE/G20, che riunisce 134 Paesi e mira a contrastare l'evasione fiscale internazionale da parte delle multinazionali. L'OCSE propone di riallocare alcuni profitti e la corrispondente parte dei diritti di imposizione nei Paesi dove le multinazionali hanno mercato. In questo modo le multinazionali che hanno un'attività significativa negli Stati dove non hanno una presenza fisica verrebbero comunque tassate, attraverso la creazione di nuove regole specifiche.

"Stiamo facendo veri progressi sulle questioni in materia di tassazione che sorgono dalla digitalizzazione dell'economia e continuiamo ad avanzare verso una soluzione basata sul consenso per rivedere le regole del sistema di tassazione internazionale entro il 2020", ha commentato Gurria, aggiungendo che "se non sarà trovato un accordo entro il 2020, aumenterà il rischio che i Paesi agiscano unilateralmente, con conseguenze negative nella già fragile economia globale. Non dobbiamo permettere che questo accada".

(Foto: © gilc | 123RF)
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.