Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Martedì 22 Ottobre 2019, ore 00.15
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Turchia attacca Siria: partiti primi raid aerei

Erdogan giustifica blitz con necessità di liberare località dai "terroristi" e favorire rientro siriani nel Paese d'origine

Politica ·
(Teleborsa) - L'escalation di tensioni al confine curdo fra Turchia e Siria è degenerato in un blitz aereo ordinato dal governo di Ankara. A confermare l'avvio delle operazioni militari è stato il presidente Recep Tayyip Erdogan via Twitter.

I primi raid, già preannunciati nella prima mattinata, sono scattati nel Nord-Est della Siria: diverse esplosioni sono avvenute nella località siriana di frontiera Ras al-Ayn.

Il leader turco Erdogan giustifica l'intervento militare con la necessità di facilitare il ritorno dei rifugiati siriani nelle loro case e liberare le comunità locali dai terroristi (Pkk/Ypg e Daesh). Frattanto, il Presidente russo Vladimir Putin ha invitato i partner turchi a "riflettere attentamente sulla situazione in modo da non compromettere gli sforzi congiunti per risolvere la crisi siriana".

Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.