Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Venerdì 15 Novembre 2019, ore 13.56
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Alitalia: da Ministro MISE Patuanelli invito a fare presto

Si vuole evitare il ricorso a un ulteriore prestito-ponte chiedendo a FS e Atlantia di anticipare i tempi dell’offerta finale

Economia, Trasporti ·
(Teleborsa) - Le anticipazioni fornite da Teleborsa nei giorni scorsi sulle possibilità di closing dell’operazione salvataggio di Alitalia sono state confermate nella sostanza dal Ministro dello Sviluppo Economico, Stefano Patuanelli, il quale attende dai tre Commissari le indicazioni definitive sul modus operandi relativo alla gestione straordinaria nelle settimane a venire.

Il titolare del MISE ha precisato che la disponibilità di ulteriori 350 milioni prevista nel decreto fiscale, per fare fronte alle esigenze dei prossimi mesi, è una sorta di riserva straordinaria pronta all'uso con l’obiettivo estremo di scongiurare il fall-out della compagnia aerea, le cui perdite sono costanti e erodono la restante liquidità di cassa, frutto di anticipazioni sui servizi di viaggio.

La volontà, espressa da FS e Atlantia, di procedere nella formulazione dell’attesa offerta vincolante, ha prodotto un allungamento dei tempi e reso la coperta ancora più corta. L’erogazione di un altro prestito ponte svilirebbe anche la portata dell’iniezione di risorse finanziarie per la costituzione della Newco.

E' il motivo per cui Patuanelli chiederà ai Commissari di confrontarsi con i soggetti della cordata guidata da FS per ridurre le tempistiche rispetto alle otto settimane messe in preventivo per giungere all'offerta finale. Nel contempo, "messa da parte" l'ipotesi Lufthansa già a suo tempo per la posizione del vettore tedesco sull'esubero richiesto di circa la metà del personale, ritenuta inaccettabile come ribadito nelle scorse ore dal Ministro, sarà necessario raggiungere un accordo pieno con Delta Air Lines, non tanto per aumentare la quota di partecipazione che resta fissata al 10%, quanto piuttosto per definire la distribuzione delle rotte transatlantiche e mettere nero su bianco la condivisione del piano industriale.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.