Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Mercoledì 13 Novembre 2019, ore 08.50
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Intermodalità fattore cruciale per il futuro degli aeroporti

L’accessibilità degli scali fattore determinante per il loro sviluppo e la mobilità generale

Economia, Trasporti ·
(Teleborsa) - L’Aeroporto di Bergamo ha ospitato il seminario inaugurale del Festival Città Impresa, la manifestazione dedicata ai territori industriali, sul tema “Futuro intermodale: completare la Tav, connettere gli aeroporti”. Il dibattito, a cui hanno dato vita Stefano Paleari, commissario straordinario Alitalia, e Emilio Bellingardi, direttore generale SACBO, e concluso dall’intervento del ministro delle infrastrutture e dei trasporti, Paola De Micheli, ha evidenziato come il modo di raggiungere un aeroporto non è mai uguale e che l’intermodalità è fattore cruciale per lo sviluppo delle reti aeroportuali e ferroviarie.
“Gli aeroporti sono diventati piattaforme intermodali per eccellenza – ha sottolineato Paleari - Ne è un esempio il nuovo, grande aeroporto di Pechino, uno hub da 100 milioni di passeggeri l’anno, la cui realizzazione è costata 15 miliardo di euro mentre le infrastrutture di accessibilità hanno richiesto un investimento tre volte superiore”. E’ sicuramente un gap che i tre aeroporti milanesi (Malpensa, Linate e Bergamo) non siano collegati tra di loro dal treno.
E l’aeroporto di Bergamo, terzo scalo nazionale per movimento passeggeri, è in attesa di vedere realizzato il collegamento ferroviario. “Persistono colli di bottiglia – ribadisce Paleari - ma nel sistema delle infrastrutture per la mobilità siamo l’unico Paese europeo con riserva di capacità aeroportuale e abbiamo dimostrato di saper costruire una rete di alta velocità, costata 100 miliardi di euro di fondi pubblici”.

Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.