Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Giovedì 12 Dicembre 2019, ore 20.35
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Ue, Fonti Mef: audizione Gualtieri su Mes il 27 novembre

Ministro ha avanzato la richiesta di essere audito lo scorso 7 novembre. Polemiche su Fondo salva-Stati

Economia ·
(Teleborsa) - "Il ministro Gualtieri ha inviato lo scorso 7 novembre al presidente della Commissione Finanze Alberto Bagnai la richiesta di essere audito in merito alla riforma del MES, della quale è stata programmata la firma in dicembre sulla base dell`intesa raggiunta dal Consiglio europeo nello scorso mese di giugno. L'audizione è stata calendarizzata per il prossimo 27 novembre". Lo riferiscono fonti del Ministero del'Economia.

Negli ultimi giorni sono divampate polemiche sulla riforma del Mes, il Meccanismo europeo di stabilità, che dovrebbe veder la luce entro il prossimo mese di dicembre. Il Mes ( o Esm, secondo l'acronimo inglese) è nato nel 2012 per sostituire i preesistenti Fondo europeo di stabilità finanziaria e Meccanismo europeo di stabilizzazione finanziaria. E' una sorta di Fondo monetario europeo per sostenere i membri dell'area euro in difficoltà cui si offre un programma di aiuti in cambio di riforme strutturali. Sulla questione si sono registrate le preoccupazioni della Banca d'Italia che hanno innescato la reazione della Lega, da tempo sulle barricate.

La riforma del Mes desta allarme per il nostro Paese perché prevede che il supporto finanziario sia attivato in caso di turbolenze sui mercati del debito pubblico ma qualora ricorrano alcune condizioni: non trovarsi in procedura d’infrazione, avere da due anni un deficit sotto il 3% e un debito pubblico sotto al 60%. Dunque, l'Italia sarebbe esclusa dal supporto cui potrebbe accedere, in seconda battuta, solo se accettasse una ristrutturazione del debito.







Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.