Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Giovedì 20 Febbraio 2020, ore 11.45
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Alitalia, Lufthansa: "Cominciamo da partnership. Inevitabile ristrutturazione"

E' quanto affermato dal rappresentante di Lufthansa in audizione alla Camera

Economia, Trasporti ·
(Teleborsa) - Lufthansa ribadisce la possibilità concreta di "cominciare da una partnership commerciale" con Alitalia in seguito agli incontri "positivi" avuti finora con FS e Atlantia, che non hanno però consentito finora di "proporre un investimento".

Lo ha chiarito il rappresentante per la compagnia tedesca, Joerg Eberhart, presidente e ceo di Air Dolomiti, in audizione alla Camera sul dossier Alitalia. Oggi verranno ascoltati anche il commissario Leogrande e il Ministro Paola De Micheli. Nei prossimi giorni saranno sentiti anche gli altri possibili partner, fra cui Delta Air Lines.

"Dal nostro punto di vista per un rilancio di Alitalia è più vantaggiosa una forte partnership che un investimento una tantum", ha affermato Eberhart, aggiungendo "Alitalia e Lufthansa insieme avrebbero una buona opportunità di creare il sistema d'aviazione più forte in Europa".

"Il marchio Alitalia è motivo di orgoglio e prestigio", ha detto il rappresentante di Lufhtansa, aggiungendo che "nonostante la situazione difficile, la qualità operativa rimane elevata".

Eberhart ritiene però che un "profondo risanamento sia inevitabile" per Alitalia e che "solo così guadagnerà il tempo necessario e partendo da una posizione di forza avrà una scelta libera tra i tre sistemi più forti in Europa" (IAG, Air France-KLM, Lufthansa). "Noi riteniamo che sia giusto cominciare subito con una ristrutturazione - ha sottolineato - che è un compito di 360 gradi, pluriennale e che non si risolve in 18 mesi". Un piano che poggia su un "abbassamento dei costi inevitabile, maggior utilizzo del personale e delle macchine".

Il rappresentante della compagnia tedesca ha fatto cenno anche al ruolo dell'aeroporto di Fiumicino, che definisce un "hub efficiente e performante". Si tratta - ha detto - di "un'infrastruttura ideale per mantenere il ruolo di hub in Italia" per il rilancio dell'Alitalia e "se confrontato con l'aeroporto di Francoforte, Fiumicino ha una gestione molto più orientata al cliente".



Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.