Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Giovedì 27 Febbraio 2020, ore 17.08
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Iran: piloti esperti, aereo nuovo, errore umano da escludere. Comunque è "giallo"

Ukraine International Airlines pone dubbi sull’ipotesi di attribuire l’incidente aereo di Teheran a cause tecniche

Economia, Trasporti ·
(Teleborsa) - Cominciano ad affiorare dubbi sulle dinamiche dell’incidente aereo occorso al volo PS311 di Ukraine International Airlines e costato la vita a tutte le 176 persone a bordo. Il B737-800 della compagnia ucraina, uno dei 24 presenti in flotta e dichiarato massimamente efficiente oltre che di recente costruzione, è precipitato dopo il decollo avvenuto dall’aeroporto di Teheran.

Il ritrovamento delle scatole nere dovrà permettere di capire cosa è accaduto durante il rateo di salita, ma l’Organizzazione per l'aviazione civile di Teheran ha avocato a sè l’attività investigativa pur consentendo alle autorità ucraine di parteciparvi. Una procedura insolita perchè le cosiddette scatole nere, che registrano i dati di volo e le conversazioni in cabina, vengono affidate al costruttore aeronautico per essere decodificate. Circolate anche voci di un possibile abbattimento, magari per errore.

Intanto, da fonti investigative dell'Organizzazione per l'aviazione civile iraniana, sarebbe emerso nella notte che il velivolo si era apprestato a rientrare all'aeroporto di Teheran per un "problema".

Dal canto suo, Ukraine International Airlines ha riferito che l’aeromobile si trovava a 2400 metri di quota prima di iniziare a precipitare; un’altitudine tale da permettere a piloti esperti di adottare azioni e manovre previste per rimediare al malfunzionamento di uno dei due motori.

Proprio in relazione alla criticità dell’area su cui il velivolo avrebbe dovuto operare, il volo dall’Ucraina verso la capitale iraniana e il successivo Teheran-Kiev, tragicamente interrotto, era stato affidato a ufficiali di grande esperienza, come il capitano Volodymyr Yaponenko, l'istruttore pilota Oleksiy Naumkin e il primo ufficiale Serhiy Khomenko. Difficile, dunque, pensare a un errore umano.

Il 737-800 della UIA, costruito e consegnato nel 2016, era stato revisionato il 6 gennaio e il giorno seguente ha volato senza problemi tra a Malpensa e Kiev. Prima d’ora la compagnia Ucraina non aveva mai subito incidenti nè perso velivoli.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.