Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Giovedì 20 Febbraio 2020, ore 16.30
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

MEF, entrate tributarie 11 mesi in calo per slittamento scadenze

Il MEF ha pubblicato i dati relativi alla fine di novembre che incorporano lo slittamento del calendario fiscale al 2 dicembre di alcune scadenze

Economia ·
(Teleborsa) - Sono calate le entrate tributarie negli 11 mesi a fine novembre per effetto dello slittamento di alcune scadenze fiscali. Lo rivela il MEF - Ministero dell'Economia e delle Finanze, che ha pubblicato i consueti dati mensili.

Nel periodo gennaio-novembre 2019, le entrate tributarie erariali sono ammontate a 404,9 miliardi di euro, segnando una diminuzione di 9,8 miliardi rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (-2,4%). Il dato negativo risulta essere condizionato dallo slittamento al 2 dicembre dei versamenti relativi al secondo acconto delle imposte autoliquidate (il 30 novembre era sabato).

Nel solo mese di novembre, le entrate tributarie erariali hanno registrato una diminuzione di 15,3 miliardi (-25,3%) rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, sempre per effetto dello slittamento delle scadenze che rende le grandezze dei due anni consecutivi non omogenee.

Le imposte dirette negli 11 mesi calano di 13,6 miliardi (-6%) a circa 213 miliardi di euro, con un gettito IRPEF (-1,2%) che sconta l’andamento negativo delle ritenute IRPEF sui lavoratori autonomi (-9,8%) a dispetto della crescita delle ritenute IRPEF da lavoro dipendente del settore privato (+3,3%) e del settore pubblico (+3,2%).

Le imposte indirette registrano una variazione positiva di 3,7 miliardi (+2%), grazie al buon andamento del gettito IVA (+2,8%) ed in particolare della componente di prelievo sugli scambi interni (+3,6%). L’imposta sulle assicurazioni segna un incremento del 13,6% mentre l’imposta di bollo registra un calo del 6,4% e l’imposta di registro del 5,2%.

Nei primi 11 mesi dell’anno, le entrate dai giochi ammontano a circa 14 miliardi euro (+6,4%), mentre le entrate da attività di accertamento e controllo si attestano a 10,8 miliardi di euro (+14,8%).
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.