Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Martedì 7 Aprile 2020, ore 18.06
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Brexit, Londra prepara addio all'UE: Johnson parlerà alla nazione il 31 gennaio

Intanto, Sajid Javid, cancelliere dello scacchiere britannico ammette: "Alcune aziende soffriranno l'impatto"

Economia, Politica ·
(Teleborsa) - Chissà come, tra tanti anni, sarà raccontato il lungo addio tra Londra e UE, sicuramente il divorzio più sofferto e complicato della storia. Mesi di colpi di scena, rinvii, vittime politiche, la più illustre delle quali è senza dubbio Theresa May che – dopo i numerosi fallimenti – ha dovuto alzare bandiera bianca e cedere il passo a Boris Johnson.

Il Predestinato - Capelli spettinati, disordinato, sornione, a volte goffo, quanto di più lontano dall’idea di perfezione e rigore, eppure BoJo è riuscito, uscendo dagli schemi, a convincere gli inglesi che, al netto delle gaffe inanellate, è lui l’uomo giusto a trascinare il Regno Unito fuori dall’Europa: un passaggio che gli consegna di diritto gli abiti del predestinato, al centro di un autentico crocevia della storia europea.

Londra prepara l’addio - Il conto alla rovescia è ufficialmente partito. Il Premier terrà un discorso “speciale” ai britannici nella serata del 31 gennaio, il giorno in cui il Regno Unito lascerà l’Unione europea. Lo riporta la Bbc. In occasione della Brexit, inoltre, sarà coniata una speciale moneta da 50 pence sulla quale saranno incise le parole: “Pace, prosperità e amicizia con tutte le nazioni”.

Intanto, sono in tanti a interrogarsi sugli scenari futuri. Alcune aziende beneficeranno della Brexit ma “altre no”. L’ammissione arriva dal cancelliere dello scacchiere britannico, Sajid Javid, in un’intervista al Financial Times. Secondo il Ministro, dopo il divorzio da Bruxelles “ci sarà un impatto in un modo o nell’altro”. Javid ha spiegato poi che “non ci sarà nessun allineamento con le regole UE” e che le aziende britanniche “dovranno adattarsi alle nuove misure”.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.