Facebook Pixel
Milano 24-apr
0 0,00%
Nasdaq 24-apr
17.526,8 +0,32%
Dow Jones 24-apr
38.460,92 -0,11%
Londra 24-apr
8.040,38 -0,06%
Francoforte 24-apr
18.088,7 -0,27%

Normativa UE, salario minimo, Schmit: totale rispetto contrattazione

"Nessuna intenzione di avere un impatto negativo, cioè ribasso dei salari": lo ha assicurato il Commissario europeo al lavoro che ha incontrato la Ministra Catalfo

Economia
Normativa UE, salario minimo, Schmit: totale rispetto contrattazione
(Teleborsa) - Il salario minimo europeo sarà introdotto "nel rispetto" dei contratti e della contrattazione. Lo ha assicurato il Commissario europeo del Lavoro, Nicolas Schmit, al termine della bilaterale con il Ministro Nunzia Catalfo, sulle tematiche dell'occupazione e dei diritti sociali. "Si tratta di iniziative per rafforzare i contratti e la contrattazione - ha detto - con la normativa UE non c'è nessuna intenzione di avere un impatto negativo, cioè ribasso dei salari. C'è totale rispetto della contrattazione, intendiamo sostenerla. L'obiettivo è al contrario aumentare i salari bassi anche in alcuni Paesi dove sono bassi e tali da non consentire una vita decente".

Schmit, bene sostegno Italia a quadro Ue salario minimo - "
Sono particolarmente lieto del sostegno espresso dal Governo italiano, della sua intenzione di lavorare in questa direzione, ovvero per un quadro europeo per il salario minimo", ha ribadito il Commissario.

"Sono per stabilire una soglia di sufficienza identica per tutti i settori, che deve essere superiore alla soglia di povertà, in quanto i dati ci confermano che ci sono persone in Italia che hanno il Reddito di cittadinanza essendo di fatto lavoratori a basso salario", ha detto la Ministra del Lavoro Catalfo aggiungendo: "Bisogna che ci sia un rialzo dei salari proprio perché se si lavora si deve avere la possibilità di avere un reddito che consenta una vita dignitosa".

Poi, l'annuncio del Commissario: "Entro l'anno o al massimo l'inizio del prossimo ci sarà la proposta di una legge europea per garantire diritti e protezione sociale dei lavoratori delle piattaforme (gig economy), perchè la Commissione UE vuole occuparsi delle condizioni di questi lavoratori".

La "solidarietà europea"
nei confronti dell'Italia che sta affrontando l'emergenza Coronavirus "rimane un'esigenza assoluta in tempi di crisi", ha concluso.


Condividi
```