Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Mercoledì 27 Maggio 2020, ore 11.25
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Italian Wine Brands chiude conti 2019 n crescita

Finanza ·
(Teleborsa) - Il Consiglio di Amministrazione di Italian Wine Brands ha approvato il progetto di bilancio di esercizio al 31 dicembre 2019, che evidenzia ricavi delle vendite hanno pari a 157,5 milioni, in crescita di circa il 5%. Il Risultato Netto Restated, che esclude costi non ricorrenti per 1,78 milioni di euro, è pari a 9,2 milioni, sensibilmente superiore ai 7,2 milioni del 2018. Al netto dell’effetto negativo derivante dall’applicazione dello IFRS 16, il risultato netto di Gruppo 2019 sarebbe stato pari a 9,6 milioni.

Posizione Finanziaria Netta attiva per 0,6 milioni euro, al netto di Euro 11,4 milioni di passività per i diritti d’uso derivanti dall’applicazione dello IFRS 16.

La capogruppo IWB evidenzia un risultato netto positivo di 6,83 milioni (di cui 7,36 milioni derivanti dal dividendo 2018 deliberato e distribuito dalla controllata Provinco Italia). Il Consiglio di Amministrazione di IWB ha deliberato la distribuzione di un dividendo unitario pari a massimi 0,50 euro per ciascuna azione che ne avrà diritto, di cui 0,10 euro certi e proposti dal Consiglio tenuto in data odierna, ed ulteriori eventuali 0,40 euro da confermare direttamente in sede assembleare, ove nel frattempo non si siano manifestate determinate opportunità di ritenzione di maggior cassa in Società.

La pandemia causata dal Coronavirus COVID-19 - sottolinea la società - rappresenta un fattore di incertezza che non è possibile quantificare e che influenza negativamente il business. "Non si può escludere che la situazione possa deteriorare in un blocco o rallentamento delle attività che riguardano fornitori del Gruppo", si legge in una nota, dove si spiega che in queste settimane "l’azione è mirata pertanto, oltre a alla piena conservazione del proprio patrimonio aziendale, fatto in primo luogo dei propri collaboratori e clienti, a elaborare soluzioni immediate per fronteggiare la situazione di emergenza e garantire la più efficiente ed efficace continuità aziendale possibile".

Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.