Sabato 6 Giugno 2020, ore 23.20
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Ddl Sicurezza Professioni Sanitarie, Nursind: "Stato non difende operatori"

Secondo il sindacato delle professioni infermieristiche sono stati fatti "passi indietro" sul fronte delle tutele post aggressione del lavoratore

Economia ·
(Teleborsa) - "Avremmo voluto salutare il ritorno del provvedimento in terza lettura al Senato, con una promozione a pieni voti. Avrebbe significato accettare di buon grado il ritardo nella conclusione dell'iter parlamentare a fronte di una legge arricchita e più efficace. Ma purtroppo non è così. Rispetto ai miglioramenti apportati in Commissione Giustizia e Affari sociali, infatti, dobbiamo registrare i passi indietro dell'Aula". Andrea Bottega, segretario nazionale del Nursind infermieri, commenta così il via libera all'unanimità di Montecitorio al ddl sulla sicurezza per gli esercenti delle professioni sanitarie.

In particolare Nursind punta il dito contro la retromarcia fatta sul fronte delle tutele post aggressione del lavoratore. "Non vogliamo essere disfattisti – afferma il sindacato in una nota – ma la legge su questo rimane incompleta. Prevedere l'obbligo della procedura d'ufficio da parte delle aziende sanitarie nei processi che coinvolgono operatori sanitari vittime d'aggressione, conclusione cui era giunto giustamente il lavoro delle Commissioni, avrebbe rappresentato un passo avanti importante. Spiace molto quindi dover prendere atto di questo grave ripensamento dell'Aula".

"L'amara conclusione è che gli infermieri devono difendersi da soli. Lo Stato non difende i suoi dipendenti", attacca Bottega. Soddisfazione, invece per le novità riguardanti l'Osservatorio sulla sicurezza, istituito dalla legge. "Finalmente – spiega il sindacalista – l'Osservatorio è stato allargato anche ai rappresentanti delle categorie sindacali. Si tratta di una richiesta che avevamo avanzato con forza, ma non certo per manie di protagonismo. Era semplicemente assurdo pensare di intervenire su una problematica che interessa i lavoratori in assenza di chi istituzionalmente è titolato a rappresentarli. Su tale aspetto, dunque, hanno prevalso la logica e il buon senso. Troppo poco, però, per dirci soddisfatti. A maggior ragione – conclude Bottega – in questa difficilissima emergenza che l'intero Paese sta vivendo e che gli operatori sanitari si sono responsabilmente caricati sulle loro spalle".


Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.