Lunedì 13 Luglio 2020, ore 08.57
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Stati Uniti, occupazione cresce a sorpresa con avvio Fase 2

I numero del Job Report sorprendono gli economisti che attendevano una nuova emorragia di posti di lavoro

Economia, Macroeconomia ·
(Teleborsa) - La Fase 2 seguita al lockdown, scattato per l'epidemia di coronavirus, consente agli USA di ricreare posti di lavoro, anche se la situazione di salute di prima della pandemia è un lontano ricordo. Il tasso di disoccupazione è calato dai picchi di aprile e gli occupati sono tornati ad aumentare a maggio.

Secondo i dati forniti dal Bureau of Labour Statistics, a maggio, il tasso di disoccupazione è sceso al 13,3% dal 14,7% precedente e risulta inferiore alle stime di consensus che erano per un tasso in crescita al 19,7%.

Contemporaneamente sono stati creati oltre 2.500 posti di lavoro nei settori non agricoli (non-farm payrolls), dopo che ad aprile erano andate distrutte oltre 20 milioni di buste paga. Il dato sugli occupati è migliore del consensus che indicava un calo di 8 mila posti di lavoro.

A farne le spese è soprattutto il settore privato, dove sono stati ricreati quasi 3,1 milioni di posti di lavoro (era previsto un calo di 7,5 milioni), dopo la perdita di 19,7 milioni registrata ad aprile.

Gli occupati del settore manifatturiero sono saliti di 225 mila unità, meglio dei -440 mila attesi, e si confrontano con il calo di 1,3 milioni del mese precedente.

Le retribuzioni medie orarie registrano un incremento del 6,7% su anno a 29,75 dollari (-1% su mese). Le retribuzioni medie orarie sono monitorate con attenzione dalla Federal Reserve in quanto buon indicatore sia dello stato di salute del mercato del lavoro che delle pressioni inflazionistiche.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.