Martedì 20 Aprile 2021, ore 15.01
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

USA, Biden: "La mia presidenza non sarà un terzo mandato Obama"

Immigrazione e clima tra le priorità dei primi cento giorni

Economia ·
(Teleborsa) - "Non sarà un terzo mandato Obama". È quanto afferma il neopresidente degli Stati Uniti Joe Biden nella sua prima intervista rilasciata dopo la vittoria alle elezioni sottolineando che "durante gli anni dell'amministrazione di Donald Trump il mondo è cambiato".



"Ci troviamo davanti un mondo completamente diverso da quello che abbiamo affrontato con l'amministrazione Obama-Biden – ha detto alla Nbc – il presidente Trump ha cambiato lo scenario. È diventato America first. Ed è stato l'America da sola". Quella di Biden – come ha spiegato il presidente – sarà "un'amministrazione che rappresenta tutto il popolo americano così come tutto il partito democratico". Per tale ragione Biden non esclude la nomina di esponenti repubblicani che hanno votato per Trump. "Voglio che questo paese sia unito", ha ribadito.

Tra le priorità dei primi cento giorni della presidenza Biden figurano i temi dell'immigrazione e dell'ambiente. Il presidente americano ha detto di voler promuovere normative che prevedano la cittadinanza per chi è senza documenti, sottolineando come molto dipenderà dalla cooperazione che avrà dal Congresso. "Invierò un progetto di legge sull'immigrazione al Senato contenente l'indicazione di una via per la cittadinanza per 11 milioni di persone senza documenti in America – ha dichiarato –. Mi muoverò anche per prendere le distanze da alcuni degli ordini esecutivi, credo, molto dannosi che hanno avuto un impatto significativo sul peggioramento del clima e sul renderci meno sani, dal metano a tutta una serie di cose che il presidente ha fatto".

Ieri pomeriggio la Casa Bianca ha approvato la procedura che permetterà all'Ufficio del Direttore nazionale di intelligencea (Odni) di fornire a Biden i briefing quotidiani nel quadro del sostegno al processo di transizione. Sempre ieri Biden, con lo slogan "l'America è tornata", ha presentato le prime nomine della sua futura amministrazione, tra cui figurano personalità che hanno lavorato sotto la presidenza di Barack Obama. Il team dei sei, due donne e quattro uomini, scelti dal presidente Usa per essere i suoi principali diplomatici e consiglieri dell'intelligence ha confermato all'unisono la volontà del "ritorno al multilateralismo, alla cooperazione globale e alla lotta ai cambiamenti climatici" dopo quattro anni di politiche isolazioniste di Trump. "È una squadra che manterrà il nostro Paese e il nostro popolo al sicuro", ha detto Biden presentando le sue nomine per il segretario di Stato (Antony Blinken); il consigliere per la sicurezza nazionale (Jake Sullivan); il capo dell'intelligence (Avril Haines, prima donna a ricoprire l'incarico); il segretario alla Sicurezza nazionale (Alejandro Mayorkas), l'ambasciatore americano all'Onu (Linda Thomas-Greenfield) e l'inviato speciale per il clima (John Kerry).






Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.