Martedì 13 Aprile 2021, ore 08.47
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

FMI quantifica benefici campagna vaccinale. Deficit attesi in graduale ridimensionamento

Auspicato prelievo temporaneo su redditi elevati e patrimoni

Economia ·
(Teleborsa) - Il Fondo Monetario Internazionale prevede un generale ridimensionamento dei deficit di bilancio a partire da quest'anno, di fronte ad un'accelerazione della crescita, dopo l'impennata registrata durante la pandemia a causa dell'aumento della spesa. E' quanto emerge dal Fiscal Monitor del FMI, in base al quale i deficit caleranno in media dal 7,6% del 2020 al 2,3% nel 2026. Il debito pubblico mondiale, salito su livelli record nel 2020 al 97% del PIL, per effetto delle misure di stimolo messe in campo dai governi per fronteggiare l'emergenza, dovrebbe mantenersi poco sotto la soglia del 100% nel medio termine.



Anche per l'Italia è previsto un graduale rientro del deficit dal 9,5% del 2020 all'1,8% nel 2026, mentre per quest'anno è atteso un deficit all'8,8%. Il debito dovrebbe portarsi dal 157,1% atteso per quest'anno al 151% del PIL nel 2026. La pressione fiscale, già in crescita prima della pandemia al 47,1%, dovrebbe raggiungere n picco del 47,9% quest'anno, ai massimi dal 2014, per poi riportarsi al 46,7% nel 2026. La spesa pubblica, balzata al 57,3% nel 2020, tornerà al 48,4% nel 2026.

L'FMI fa un cenno anche alla campagna vaccinale, indicando che il costo "si ripagherà da solo" e che una campagna più rapida potrebbe generare fino a 1.000 miliardi di dollari di maggior gettito cumulato da qui al 2025, consentendo di risparmiare migliaia di miliardi di dollari di spesa in misure di sostegno.

Nel medio periodo - sottolinea l'FMI - sarà necessario bilanciare il rischio di un aumento del debito con il rischio di ritiro prematuro delle misure di supporto, che potrebbe rallentare la ripresa. In tale senso, appaiono dunque "cruciali" strategie credibili che ridisegnino le regole di bilancio e introducano riforme della tassazione.

Il Fondo Monetario consiglia ai governi di "prendere in considerazione" un prelievo "temporaneo" sui redditi elevati e sui patrimoni, per favorire la ripresa post Covid e provvedere alla copertura del fabbisogno legato alla pandemia, oltre ad attuare riforme fiscali nazionali ed internazionali finalizzate a migliorare l'accesso ai servizi di base e le reti di protezione e centrare l'obiettivo di sviluppo sostenibile.



Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.