Facebook Pixel
Lunedì 17 Gennaio 2022, ore 06.05
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Manovra, confronto entra nel vivo: ultimo "assalto alla diligenza"

Per le modifiche sul tavolo 600 milioni

Economia, Politica ·
(Teleborsa) - Con il confronto sulla Manovra che entra nel vivo si cammina su un terreno minato. E il Presidente del Consiglio Draghi lo sa. L'obiettivo è superare gli ostacoli in tempo utile per evitare di incappare nell’esercizio provvisorio.

Riflettori, dunque, puntati a Palazzo Chigi e Palazzo Madama per una partita doppia ma strettamente connessa destinata ad avere conseguenze sulle modifiche alla legge di Bilancio che usciranno dal (difficile ) percorso di conversione del ddl, sul quale incombono le tante fibrillazioni della larga maggioranza che sostiene l'esecutivo.


Spetterà - come sempre - al Premier tenerle a bada, facendo da mediatore e "mettendo in salvo", in particolare, l'intesa raggiunta su come destinare il tesoretto di 8 miliardi per il taglio delle tasse. Da blindare anche Reddito di Cittadinanza e Superbonus che dovranno certamente resistere a più di qualche tentativo di assalto.


Al via una serie di faccia a faccia tra Draghi e le singole forze politiche: si parte oggi lunedì 29 novembre con i Cinque Stelle; domani tocca a Lega, FI e Pd; mercoledì parola al gruppo Autonomie, CI, Iv, e Leu. Oggi, intanto, il ministro dell’Economia Franco incontra i sindacati al Mef sulla riforma fiscale.

Calendario alla mano, c'è poi un'altra data da segnare in rosso: entro le 17 di oggi scade il termine per presentare gli emendamenti in commissione Bilancio del Senato. A disposizione 600 milioni per finanziare le modifiche introdotte da entrambi i rami del parlamento. Attesa una vera e propria ondata di proposte di modifica.



Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.