Facebook Pixel
Venerdì 30 Settembre 2022, ore 14.45
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Milano in rosso con gli altri mercati europei

Commento, Finanza, Spread ·
(Teleborsa) - Milano è debole, in scia alle altre Borse di Eurolandia, che tirano il fiato dopo la performance positiva degli ultimi giorni e dopo che la BCE ha annunciato un rialzo dei tassi di 50 punti base e dato i dettagli dello scudo anti-Spread.

Sessione negativa per l'Euro / Dollaro USA, che lascia, per ora, sul parterre lo 0,80%. L'Oro continua la seduta sui livelli della vigilia, riportando una variazione pari a -0,02%. Sessione debole per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che scambia con un calo dello 0,36%.



Torna a salire lo spread, attestandosi a +234 punti base, con un aumento di 5 punti base, con il rendimento del BTP decennale pari al 3,36%.

Tra i mercati del Vecchio Continente discesa modesta per Francoforte, che cede un piccolo -0,21%, nulla di fatto per Londra, che passa di mano sulla parità, e incolore Parigi, che non registra variazioni significative, rispetto alla seduta precedente.

Il listino milanese continua la seduta poco sotto la parità, con il FTSE MIB che lima lo 0,36%: il principale indice della Borsa di Milano prosegue in tal modo una serie negativa, iniziata mercoledì scorso, di tre ribassi consecutivi; sulla stessa linea, si posiziona sotto la parità il FTSE Italia All-Share, che retrocede a 23.195 punti.

Senza direzione il FTSE Italia Mid Cap (-0,06%); poco sopra la parità il FTSE Italia Star (+0,2%).

Tra le migliori Blue Chip di Piazza Affari, ben impostata Banca Generali, che mostra un incremento dell'1,35%.

Tonica Banca Mediolanum che evidenzia un bel vantaggio dell'1,21%.

In luce Italgas, con un ampio progresso dell'1,15%.

Giornata moderatamente positiva per Amplifon, che sale di un frazionale +0,95%.

Le più forti vendite su Telecom Italia, che prosegue le contrattazioni a -2,22%.

Calo deciso per Unicredit, che segna un -2,15%.

Sotto pressione BPER, con un forte ribasso dell'1,52%.

Soffre Stellantis, che evidenzia una perdita dell'1,35%.

Tra i migliori titoli del FTSE MidCap, Saras (+3,31%), Banca MPS (+2,82%), Tamburi (+1,43%) e Sanlorenzo (+1,21%).

Le più forti vendite, invece, si manifestano su Credem, che prosegue le contrattazioni a -2,53%.

Preda dei venditori Carel Industries, con un decremento dell'1,91%.

Si concentrano le vendite su Fincantieri, che soffre un calo dell'1,64%.

Vendite su Cementir Holding, che registra un ribasso dell'1,62%.

Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.