Facebook Pixel
Martedì 4 Ottobre 2022, ore 13.13
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

BHP, balzo degli utili annuali grazie a rally materie prime

Finanza ·
(Teleborsa) - BHP Billiton, la più grande società mineraria del mondo, ha registrato un profitto sottostante delle operazioni continue pari a 21,32 miliardi di dollari nell'esercizio terminato il 30 giugno 2022, in crescita del 26% rispetto ai 16,99 miliardi di dollari dell'anno precedente, battendo il consensus di 20,89 miliardi di dollari (secondo dati Vuma Financial). Il balzo degli utili riflette costi disciplinati e gli sforzi per aumentare la produzione, realizzando margini più elevati grazie ai forti prezzi delle materie prime, ha sottolineato la società. Il margine EBITDA sottostante ha raggiunto il valore record del 65% (2021: 64%), mentre anche il free cash flow ha registrato il valore record di 24,3 miliardi di dollari.

Il board ha deciso di pagare un dividendo finale di 1,75 USD per azione o 8,9 miliardi di USD, che include un importo aggiuntivo di 0,60 USD per azione (equivalente a 3,0 miliardi di USD) al di sopra della politica di payout minimo del 50%. Il dividendo totale in contanti raggiunge quindi i 3,25 USD per azione, equivalenti a un payout ratio del 77%.



"Questi ottimi risultati sono stati dovuti a operazioni sicure e affidabili, alla consegna dei progetti e alla disciplina del capitale, che ci hanno permesso di catturare il valore dei forti prezzi delle materie prime - ha commentato il CEO Mike Henry - BHP rimane il produttore di minerale di ferro con il costo più basso a livello globale e ha registrato vendite annuali record dal minerale di ferro dell'Australia occidentale".

Con riguardo all'outlook, Henry ha affermato: "Prevediamo che la Cina emerga come fonte di stabilità per la domanda di materie prime nel prossimo anno, con il progressivo insediamento del sostegno politico. Allo stesso tempo, prevediamo un rallentamento nelle economie avanzate a causa dell'inasprimento della politica monetaria, nonché la perdurante incertezza geopolitica e le pressioni inflazionistiche. Gli impatti diretti e indiretti della crisi energetica in Europa destano particolare preoccupazione. Mercati del lavoro rigidi rimarranno una sfida per le catene di approvvigionamento globali e locali".
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.