Facebook Pixel
Lunedì 5 Dicembre 2022, ore 14.55
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Decreti "dimenticati", tesoretto da 7,8 miliardi: Draghi in pressing

Palazzo Chigi assicura, le risorse non andranno perse

Economia ·
(Teleborsa) - Un "tesoretto" congelato da quasi 8 miliardi di euro: sono i fondi stanziati da norme "invecchiate" mai entrate in vigore. Al 2 settembre sono complessivamente 392 i decreti legge "inattuati" o "scaduti", per circa 7,8 miliardi tra governi Conte e Draghi.





In particolare, dei 271 del governo Draghi, 61 non sono ancora scaduti, 118 sono senza termine e 92 sono scaduti. E' quanto emerge incrociando i dati di una tabella riportata da Ansa che sta circolando tra i ministeri e quelli di Palazzo Chigi che sottolinea tanto l'impegno profuso per ridurre dell'82,2% i decreti arretrati (passati dai 679 del febbraio 2021 ai 121 odierni), quanto la "sferzata" impressa dal premier per avvicinarsi il più possibile all'azzeramento dello stock,anche per "riutilizzare" le risorse.Un eventuale tesoretto aggiuntivo.

Comunque vada - è il convincimento di Palazzo Chigi - i soldi non andranno persi. Dalla data del suo insediamento ad oggi - viene sottolineato -, questo governo, per far fronte anche alle diverse emergenze nazionali ed internazionali che si sono presentate, ha adottato molti atti normativi, da cui sono stati previsti 732 provvedimenti attuativi. Di essi, al 2 settembre 2022, 461 sono stati già adottati e 271 da adottare.

Non solo: "Per i mesi di settembre ed ottobre è stato assegnato un target complessivo di 243 provvedimenti, che consentiranno di adottare anche quei decreti del governo Draghi con un termine di scadenza tra settembre ed ottobre". "La presidenza del Consiglio dei Ministri ha un target di 18 provvedimenti (9 per mese) che prevedono proprio l'adozione delle 16 misure del Governo Draghi più 2 dei Governi precedenti. Tra questi" c'è "anche il dpcm dei fondi all'editoria", rimarcano ancora da Palazzo Chigi.

Tra i provvedimenti che risultano scaduti nel 2021 c'è quello per la definizione delle procedure per la stipula di contratti di appalti di lavori e forniture di beni o servizi per le attività dell'Agenzia finalizzata alla tutela della sicurezza nazionale per lo spazio cibernetico". Per tale decreto "di natura regolamentare", "si è nella fase di acquisizione dei pareri richiesti dalla legge", rimarcano gli uffici. Quanto all'adozione della strategia nazionale contro la povertà energetica e la determinazione degli standard tecnici e delle misure di moderazione dell'uso di dispositivi di illuminazione pubblica (con scadenza il 27 luglio), invece, "sono previsti nel target di settembre del Ministero della transizione ecologica - si precisa -. Stesso discorso per il decreto del Ministro di lavoro, di concerto con il Ministro delle pari opportunità per il sostegno della parità salariale di genere sui luoghi di lavoro, che è anche obiettivo del Pnrr".
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.