Facebook Pixel
Lunedì 28 Novembre 2022, ore 15.10
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Mobilità stradale e autostradale, Mims: 70% di cantieri chiusi tra il 1 luglio e il 15 settembre

I risultati del Piano estivo promosso dal Ministero per migliorare la fluidità del traffico e ridurre i disagi per gli utenti

Economia, Trasporti ·
(Teleborsa) - Il Piano per favorire la mobilità stradale e autostradale estiva voluto dal ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, Enrico Giovannini, ha portato alla chiusura o alla sospensione del 70% dei cantieri durante il periodo 1 luglio-15 settembre. Ciò – fa sapere il Mims in una nota – ha consentito uno scorrimento più fluido dei flussi di traffico e una netta riduzione dei problemi alla circolazione registrati negli scorsi anni.



Con il "Piano di gestione della viabilità", sviluppato dal Ministero con il coinvolgimento di ANAS e dei gestori autostradali, sono state adottate una serie di misure coordinate, tra cui la rimozione dei cantieri più impattanti lungo i principali tratti autostradali, il potenziamento delle attività di presidio della viabilità, l'incremento dei servizi di assistenza e il potenziamento dei canali di informazione all'utenza. L'elemento qualificante del Piano – sottolinea il Mims – è stata la previsione e pianificazione delle situazioni di possibile congestione e la predisposizione di una gestione flessibile dei cantieri stradali, prevedendo, dove necessario e possibile, anche la rimozione o il rinvio dei lavori. Inoltre, è stata assicurata una maggiore informazione all'utenza volta anche a consentire l'utilizzo della viabilità alternativa.

In un periodo caratterizzato dal superamento delle limitazioni legate al Covid-19 e da un incremento dei transiti turistici, il Piano –prosegue la nota – ha permesso la riduzione di situazioni critiche sulla rete stradale e autostradale: anche nelle giornate classificate con "bollino nero", relative ai periodi di esodo e contro-esodo, il traffico è rimasto scorrevole con limitate eccezioni, come mostrano le rilevazioni sulla circolazione. L'approccio seguito potrà essere replicato in futuro, adottando una pianificazione dei lavori sulla rete stradale e autostradale tenendo conto dei volumi di traffico attesi. Gli interventi riprogrammati, infatti, – conclude il Ministero – saranno eseguiti in periodi caratterizzati da una limitata domanda degli spostamenti sulle reti, in modo da contenere i disagi alla circolazione.

Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.