Facebook Pixel
Lunedì 30 Gennaio 2023, ore 02.01
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Mercati deboli guardano a inflazione USA e Midterm

A Piazza Affari i titoli Iveco festeggiano i risultati di bilancio e la revisione al rialzo dei target

Commento, Finanza, Spread ·
(Teleborsa) - Si muove all'insegna della debolezza la seduta finanziaria delle borse europee, complice la cautela per l'attesa dell'esito del voto di Midterm negli Stati Uniti, un risultato, quello delle elezioni americane di metà mandato, ancora a tinte fosche. Ma l'attenzione degli operatori è già proiettata verso i dati sull'inflazione americana di ottobre che saranno diffusi domani, giovedì 10 novembre.

Sul mercato valutario, l'Euro / Dollaro USA mantiene la posizione sostanzialmente stabile su 1,006. Seduta in frazionale ribasso per il petrolio (Light Sweet Crude Oil) -0,41%, che soffre le restrizioni anti Covid in Cina e l'aumento delle scorte americane.

Piccolo passo verso l'alto dello spread, che raggiunge quota +209 punti base, mostrando un aumento di 3 punti base, con il rendimento del BTP a 10 anni pari al 4,34%.

Nello scenario borsistico europeo sostanzialmente invariato Francoforte, che riporta un moderato -0,67%, pensosa Londra, con un calo frazionale dello 0,45%; tentenna Parigi, con un modesto ribasso dello 0,32%. Sostanzialmente stabile Piazza Affari, che continua la sessione sui livelli della vigilia, con il FTSE MIB che si ferma a 23.692 punti; sulla stessa linea, rimane ai nastri di partenza il FTSE Italia All-Share (Piazza Affari), che si posiziona a 25.640 punti, in prossimità dei livelli precedenti.


Tra i best performers di Milano, in evidenza Saipem (+5,47%), Iveco (+3,75%), Recordati (+3,25%) e Banco BPM (+2,35%).

I più forti ribassi, invece, si verificano su Telecom Italia, che continua la seduta con -1,77%.

Spicca la prestazione negativa di Amplifon, che scende dell'1,73%.

BPER scende dell'1,66%.

Giornata fiacca per Ferrari, che segna un calo dell'1,17%.

Tra i protagonisti del FTSE MidCap, Zignago Vetro (+3,90%), Intercos (+3,13%), Caltagirone SpA (+2,05%) e SOL (+1,90%).

Le più forti vendite, invece, si manifestano su IREN, che prosegue le contrattazioni a -2,35%.

Calo deciso per Ferragamo, che segna un -2,31%.

Sotto pressione Reply, con un forte ribasso del 2,09%.

Soffre Juventus, che evidenzia una perdita dell'1,71%.

Tra i dati macroeconomici rilevanti:

Mercoledì 09/11/2022
01:50 Giappone: Partite correnti (atteso 234,5 Mld ¥; preced. 58,9 Mld ¥)
03:30 Cina: Prezzi consumo, annuale (atteso 2,4%; preced. 2,8%)
03:30 Cina: Prezzi produzione, annuale (atteso -1,5%; preced. 0,9%)
16:00 USA: Scorte ingrosso, mensile (preced. 1,3%)
16:30 USA: Scorte petrolio, settimanale (preced. -3,12 Mln barili).
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.