Facebook Pixel
Venerdì 27 Gennaio 2023, ore 13.04
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Manovra, governo al lavoro per un ritorno alla versione originale di Opzione Donna

Economia ·
(Teleborsa) - Il Ministero del Lavoro starebbe lavorando ad un ritorno alla versione originale di Opzione Donna. Secondo quanto riportato da Ansa, infatti, la proroga del trattamento pensionistico contenuta in Legge di Bilancio potrebbe non legare l'età di uscita al numero dei figli – un'ipotesi emersa durante il Consiglio dei Ministri che ha varato la manovra – bensì confermare la precedente norma che prevedeva la possibilità di accedere alla pensione anticipata per le lavoratrici con 35 anni o più di contributi e almeno 58 anni d'età per le lavoratrici dipendenti e 59 anni per le autonome.

Il Ministero dell'Economia starebbe ora cercando le coperture finanziarie per la proroga di un anno dopo i dubbi di incostituzionalità sollevati sulla soluzione emersa in Cdm.

La manovra approvata lunedì infatti prevede che la proroga per il 2023 resterebbe aperta alle lavoratrici di 58 anni con due figli o più o di 59 anni con un figlio, discriminando quindi le coppie che non possono avere figli o quelle che scelgono di non averne.






Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.