Facebook Pixel
Milano 18-apr
0 0,00%
Nasdaq 18-apr
17.394,31 -0,57%
Dow Jones 18-apr
37.775,38 +0,06%
Londra 18-apr
7.877,05 +0,37%
Francoforte 18-apr
17.837,4 +0,38%

Bollette luce, rientro amaro dalle vacanze: possibile aumento da ottobre

del 7-10%

Economia, Energia
Bollette luce, rientro amaro dalle vacanze: possibile aumento da ottobre
(Teleborsa) - Rientro amaro dalle vacanze con cattive notizie sul fronte delle bollette. E' schizzato a 138 euro a MWh il prezzo dell'energia elettrica sui mercati internazionali e le famiglie italiane ne sentiranno l'effetto nelle prossime bollette. Nomisma Energia stima un aumento del 7-10% dal primo ottobre, in coincidenza con l'ultimo aggiornamento trimestrale dell'Arera, l'Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente.


Nella settimana da lunedì 21 a domenica 27 agosto, il Gme ha registrato un prezzo medio di acquisto dell'energia elettrica (Pun) pari a 137,67 euro a MWh, in rialzo del 29,9% rispetto ai 106 euro circa della settimana precedente. I volumi di energia elettrica scambiati direttamente nella borsa del Gme sono risultati pari a 4,1 milioni di MWh, con la liquidità al 72,4%.

I prezzi medi di vendita, comunica il Gestore dei mercati elettrici, sono variati tra 136,25 euro a MWh del Nord e 144,16 euro a MWh della Sicilia. "Se rimangono questi prezzi è certo che ci sarà un aumento sulla prossima bolletta dell'elettricità", ha detto il presidente di Nomisma Energia, Davide Tabarelli. "Dal primo ottobre ci sarà un balzo fra il 7 e il 10% delle tariffe elettriche per l'ultimo trimestre, il primo aumento, un po' pesante, del 2023", ha sottolineato, spiegando che c'è stato "un rincaro dei prezzi del gas" nelle ultime settimane, con un ritorno sopra i 30 euro per megawattora e "automaticamente quelli dell'elettricità salgono" e "metà della produzione italiana dell'elettricità si fa col gas", ha fatto presente il presidente di Nomisma.

Tabarelli ha aggiunto che a inizio settembre l'Arera "determinerà il prezzo di agosto del gas e si avrà solo un leggero aumento sotto il 2%". Tuttavia, "le indicazioni per il prossimo inverno danno prezzi internazionali superiori del 40% rispetto a quelli attuali e se si dovessero verificare le tariffe del gas di quest'inverno sarebbero superiori anche del 20% rispetto alle attuali", ha avvertito Tabarelli. Esattamente un anno fa il gas in Europa toccava il record storico di 340 euro per megawattora sulla scia della guerra in Ucraina.

Quindi è iniziata la fase discendente dopo che la stessa Europa è riuscita a sganciarsi gradualmente dalla morsa della Russia per gli approvvigionamenti. Oggi sul mercato di Amsterdam, riferimento per l'Europa, il future sul metano con consegna a settembre ha chiuso in calo dell'8% a 35 euro al Megawattora.

(Foto: © sashkin7 | 123RF)
Condividi
```