Facebook Pixel
Milano 15-apr
33.954,28 0,00%
Nasdaq 15-apr
17.706,83 -1,65%
Dow Jones 15-apr
37.735,11 -0,65%
Londra 15-apr
7.965,53 0,00%
Francoforte 15-apr
18.026,58 +0,54%

Fs Security: potenziati servizi a bordo treno e nelle stazioni su 13 linee in tutta Italia

Da oggi 1 febbraio l'attività, iniziata in via sperimentale in 4 Regioni, è estesa su linee di tutto il territorio nazionale

Economia, Trasporti
Fs Security: potenziati servizi a bordo treno e nelle stazioni su 13 linee in tutta Italia
(Teleborsa) - Potenziati i servizi di security a bordo treno e nelle stazioni di 13 linee ferroviarie dal nord al sud d'Italia. Da oggi FS Security – la società del Gruppo FS nata a febbraio 2023, su impulso del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, dedicata ad assicurare sempre maggiore sicurezza in tutte le aree ferroviarie, in coordinamento con le forze dell'ordine ha esteso la rimodulazione delle attività di security su tutto il territorio nazionale. Le attività – fa sapere FS in una nota – vedranno una media di 1000 treni controllati al giorno, più di 200 operatori di security impiegati quotidianamente e 80 stazioni coinvolte. Il potenziamento dei servizi segue la sperimentazione che, dal 16 novembre al 16 dicembre, ha interessato quattro Regioni italiane, con risultati positivi in termini di controlli e contrasto all'evasione e alle illegalità.

Nel dettaglio, le attività di security prevederanno servizi dedicati, con una presenza coordinata di personale della società FS Security a bordo treno e nelle stazioni delle linee Torino-Savona, Milano-Piacenza, Genova Porta Principe-Savona, Vicenza-Treviso, Verona-Trento, Bologna-Piacenza, Porto San Giorgio-Ancona-Pesaro, Roma-Formia, Bisceglie-Molfetta-Trani, Napoli-Roma (via Aversa), Palermo-Termini Imerese e Scalea-Maratea. La scelta delle linee, individuate secondo l'analisi delle banche dati a disposizione di FS Security, potrà subire modifiche e riprogrammazioni, in base alle effettive criticità riscontrate sul territorio.

L'obiettivo della rimodulazione e del potenziamento dei servizi è intervenire in maniera unitaria e coordinata lungo linee e stazioni considerate critiche, coordinando i servizi a bordo dei treni con quelli svolti nelle stazioni allo scopo di aumentare la sicurezza reale e percepita, ridurre l'evasione, supportare il personale ferroviario nella gestione di eventuali criticità e collaborare con le Forze dell'Ordine in caso di necessità.

La sperimentazione iniziata a novembre 2023 su 4 linee ferroviarie di Lombardia, Emilia-Romagna, Lazio e Campania, ha visto una media di 500 treni al giorno controllati, più di 40 stazioni presidiate, 140 operatori impegnati giornalmente. Sono state allontanate oltre 27700 persone, elevate 160 sanzioni, oltre 1300 viaggiatori senza biglietto intercettati e regolarizzati in un mese.




Condividi
```