Facebook Pixel
Sabato 24 Febbraio 2024, ore 03.21
Azioni Milano
09 A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Pastore (Iccrea): più attenzione su credito nuovo che su smaltimento NPL

Banche, Finanza ·
(Teleborsa) - "Anche nel caso del gruppo BCC Iccrea i dati del 2023 sono molto confortanti. Noi naturalmente guardiamo non tanto all'utile, ma al fatto che questo rafforza il nostro patrimonio, che non viene poi distribuito ai soci ma reso come patrimonio indisponibile al servizio del territorio. Quindi questo utile ci dà la forza di poter fare - anche nel 2024 e negli anni seguenti - un robusto finanziamento all'economia dei territori, cioè alle imprese e alle famiglie dei territori". Lo ha detto a Teleborsa Mauro Pastore, Direttore Generale di Iccrea Banca, a margine del congresso annuale di Assiom Forex, l'associazione degli operatori dei mercati finanziari, in corso a Genova.

"Nel 2023 abbiamo fatto 15 miliardi e mezzo di nuove erogazioni creditizie, con il segno più di qualche decimale per la voce impieghi - ha spiegato - Nel 2024 contiamo di incrementare gli impieghi, proprio forti di un rafforzamento patrimoniale che in questi anni è stato significativo, visto che ormai abbiamo un CET 1 del 21%".



"Con riferimento al credito anomalo, siamo in anticipo sui risultati del nostro piano - ha detto Pastore - Siamo già sotto al 4% al 31 dicembre 2023 e anche nel 2024 contiamo di scendere come rapporto dei crediti anomali lordi sugli impieghi - anche attraverso operazioni di cessione. Nelle prossime settimane uscirà un'altra operazione di cessione multi-contribuita di circa 60 banche, che continuerà a farci scendere con l'indicatore. Mentre - proprio per la nostra forza patrimoniale - l'indicatore netto è già nell'intorno dell' 1% - è 1,1% - quindi i crediti che abbiamo in bilancio sono per lo più totalmente ammortizzati, e quindi proseguiremo con la nostra azione di sostegno al territorio".

Sul fronte dei nuovi NPL, "occorre essere sempre attenti, perché prestando nuovi 15-16 miliardi l'anno occorre essere attenti al fatto che questi importi poi vengano adeguatamente restituiti, altrimenti si creano nuovi default - ha spiegato il banchiere - Quindi l'attenzione oggi è più concentrata sul credito nuovo e sul credito vivo, piuttosto che sullo smaltimento dei crediti anomali precedenti, cosa che invece ha caratterizzato il decennio precedente per tutto il sistema bancario".

"Da questo punto di vista siamo fiduciosi perché le nostre tante filiali hanno una relazione straordinaria e intensa col territorio che loro vivono e quindi sono in grado di selezionare le famiglie e le imprese, dando supporto alle iniziative valide e quindi incamerando un credito che auspicabilmente non è destinato a diventare anomalo in una percentuale superiore alla media", ha concluso.

(Foto: Giovanni Ricciardi)
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.