Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Domenica 19 Agosto 2018, ore 10.02
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Kulturkampf

Criptovalute, il conflitto tra passatisti e futuristi

Alessandro Fugnoli
Alessandro Fugnoli
Strategist ed esperto in economia, fa parte dal 2010 del team Kairos Partners SGR come responsabile de "Il Rosso e il Nero"
1 2 3 »

Il caso somalo
. Oggi di Somalie ce ne sono tre e tutte crescono a ritmi elevati e godono di buona salute economica grazie agli investimenti cinesi e arabi. Dal 1991 al 2012, tuttavia, gran parte dell'area coperta oggi dalle tre Somalie fu devastata dalla guerra civile e dall'islamismo radicale. Le strutture statuali collassarono e la banca centrale fu bombardata e cessò di funzionare.

Per più di due decenni, per le transazioni commerciali, si continuarono a usare i vecchi scellini somali, emessi da una banca che non c'era più e garantiti da uno stato che non c'era più. Le banconote, sempre più logore, erano in quantità finita e poiché l'economia di guerra era a suo modo florida, lo scellino fantasma continuava ad apprezzarsi contro dollaro. Vista la forte domanda di moneta, a qualche falsario venne in mente di emettere altri scellini, perfettamente riconoscibili come falsi. Questi scellini falsi furono accettati dal pubblico e cambiati alla pari con quelli veri. Poi, a ondate, arrivarono altri falsi. Anche questi furono accettati, ma a sconto.

Morale. Una buona moneta non deve per forza essere emessa da uno stato (la storia è piena di monete battute da privati) ma per essere accettata deve essere in giro in una quantità tale da non creare troppa inflazione, da una parte, e da non strozzare crescita, scambi e debitori dall'altra.

Blu cobalto. Kobalt, in tedesco, significa folletto. Nelle miniere d'oro imperiali, quando i minatori del Medio Evo trovavano il vile cobalto invece dell'ambìto oro, si raccontava che erano stati i cattivi folletti a sostituire l'uno con l'altro.

Passa però qualche secolo e succede che l'oro viene relegato in una nicchia confortevole ma modesta, mentre il cobalto, ampiamente utilizzato insieme al litio e al manganese nelle batterie, appare il metallo del futuro (ma anche del presente, visto che il suo prezzo da inizio 2017 è già raddoppiato).

Morale. Nulla è per sempre. Molte cose che appaiono intrinsecamente dotate di valore sono in realtà storicamente e culturalmente determinate. A consolazione degli appassionati dell'oro si può dire che le monete di cobalto sarebbero altrettanto belle e luminose, ma sarebbero anche radioattive, cancerogene e tossiche.

(Nella foto: Estrazione di minerali rari in Congo)
1 2 3 »
Altri Top Mind
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.