Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Lunedì 18 Giugno 2018, ore 21.29
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Draghi: "Politica monetaria fondamentale per la ripresa"

Lo ha dichiarato il numero uno della BCE che ha assicurato: "2016 primo anno in cui il PIL dell' Eurozona è arrivato al di sopra del suo livello pre-crisi"

Economia, Politica ·
(Teleborsa) - "Molti segnali incoraggianti nell'Eurozona", anche se la ripresa "dipende ancora dal sostegno monetario" che rimane un "ingrediente chiave" del rilancio economico. Parola di Mario Draghi che lo ha assicurato a Francoforte davanti al Congresso bancario europeo.

"La ripresa rimane altamente affidata su una costellazione di condizioni di finanziamento che, a loro volta, dipendono dal sostegno monetario continuato. La BCE continuerà ad agire, come garantito, utilizzando tutti gli strumenti disponibili nel suo mandato per garantire una convergenza duratura dell' inflazione verso un livello prossimo al 2%".

Draghi non ha nascosto le criticità dicendo: "dobbiamo riconoscere che operiamo ancora in un significativo grado di incertezza". La ripresa dipende "non solo dall'attuale orientamento di politica monetaria, ma anche da altre politiche, come ho già rivelato in diverse altre occasioni.

Il ripristino di un senso di direzione - e quindi di fiducia - sarebbe la strada più semplice e il modo più forte per fornire stimolo economico", ha spiegato il numero uno della BCE che ha poi rivelato: "dall'inizio della crisi finanziaria globale, il 2016 è stato il primo anno in cui il PIL nella zona euro è arrivato al di sopra del suo livello pre-crisi. Ci sono voluti circa 7 anni e mezzo per arrivarci.

L'economia ora si sta riprendendo ad un moderato, ma costante, ritmo. L'occupazione è cresciuta di più di quattro milioni dalla sua depressione nel 2013. E la ripresa è diventata più generalizzata, con meno differenze di performance economica in tutti i Paesi" .

Non poteva mancare un accenno al settore bancario. Secondo Draghi "siamo stati testimoni di molti sviluppi incoraggianti, non da ultimo la guarigione del settore bancario dell'area dell'euro, che ha permesso la crescita del credito. Questa è una condizione necessaria per un pieno ritorno alla stabilità macroeconomica".

Secondo il Presidente dell'Eurotower "abbiamo bisogno di un settore bancario forte per sostenere l'economia. Se c'è una lezione che possiamo trarre dall'ultimo decennio, è che per essere veramente robusto, il settore bancario deve essere ben regolamentato".

Guardando al futuro, Draghi ha messo in guardia: "abbiamo dunque tutte le ragioni per essere più fiduciosi nella forza della ripresa di quanto lo fossimo un anno fa. Ma non possiamo essere ottimisti sulle prospettive economiche. Oltre ai rischi geopolitici che restano prevalenti, ci sono infatti tre fattori che garantiscono cautela: la redditività delle banche dell'area dell'euro, la relativa debolezza delle dinamiche inflazionistiche, e la dipendenza della ripresa in materia di politica monetaria accomodante".






Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.