Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Venerdì 17 Novembre 2017, ore 22.18
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Fed, Yellen ammette: potremmo aver sbagliato le stime su inflazione e occupazione

Chairwoman: "ora è imprudente mantenere i tassi fermi"

Economia ·
(Teleborsa) - Il presidente della Federal Reserve, Janet Yellen, spinge sul piede del freno e ammette che forse sono state valutate male le stime su inflazione e occupazione. Parole della Chairwoman, alla National Association for Business Economics a Cleveland (Ohio), che potrebbero far risultare una politica monetaria più "dovish" rispetto a quanto affermato soltanto una settimana fa. Ovvero dopo la riunione del FOMC che ha lasciato intendere la possibilità di un altro rialzo dei tassi, entro il 2017.

"Io e i miei colleghi potremmo avere valutato male la forza del mercato del lavoro, il grado con cui le aspettative di lungo termine dell'inflazione sono in linea con il nostro obiettivo dell'inflazione o persino le forze fondamentali che guidano l'inflazione".

"Aumentare in modo graduale i tassi di interesse è l'atteggiamento di politica monetaria più corretto" in un momento di incertezza sull'inflazione - afferma Yellen - sottolineando che "sarebbe imprudente mantenere" l'attuale politica monetaria "fino a quando l'inflazione sarà al 2%". Per questo, avverte che la Fed "dovrebbe fare attenzione a muoversi troppo gradualmente" dal momento che una politica monetaria accomodante per un lungo periodo potrebbe avere effetti negativi sulla stabilità finanziaria, oltre a rischiare di far surriscaldare il mercato del lavoro.

Per il governatore, in generale le condizioni del mercato del lavoro sono probabilmente tornate ai livelli pre-crisi, ma ciò non vuol dire necessariamente che l'economia stia vivendo una massima occupazione.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.