Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Domenica 17 Dicembre 2017, ore 10.43
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Pressione fiscale in aumento nell'UE

In Italia cala al 42,9%, settimo livello più elevato tra i paesi membri

Economia ·
(Teleborsa) - La pressione fiscale nel Belpaese scende al 42,9% del PIL, nel 2016, rispetto al 43,3% del 2015. Ma non c'è da festeggiare: il fisco italiano resta uno dei più rapaci al mondo e si colloca al settimo posto nell'Unione Europea.

E' la fotografia scattata dall'Eurostat, che ha pubblicato un rapporto secondo cui in Francia la pressione fiscale è al 47,6%, in Danimarca al 47,3%, in Belgio al 46,8%, in Svezia al 44,6%, in Finlandia al 44,3% e in Austria al 42,9%.

Tra i valori più bassi, si registra invece il 23,8% dell'Irlanda, unico paese assieme alla Romania (26%) in cui la pressione fiscale risulta inferiore al 30%.

Nell'intera unione europea, è salita al 40% dal 39,7% della precedente rilevazione.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.